Dolore addominale – Cause e sintomi – Rimedi e cure

Il dolore addominale è un disturbo piuttosto complesso, poiché può dipendere da numerose cause. Quali sono i sintomi a cui si accompagna? Bisogna preoccuparsi? Quando è il caso di rivolgersi ad un medico? Analizziamo meglio questo disturbo.

Cos’è il dolore addominale?

Il dolore addominale si avverte nella zona compresa tra il bacino e l’inizio delle costole e può manifestarsi in tanti modi: intenso, continuo o intermittente, localizzato o in continuo spostamento, con o senza spasmi ecc. Può essere percepito a destra oppure a sinistra, solo da sdraiati o in particolari momenti della giornata, ad esempio al risveglio o dopo essere andati in bagno.

Perché il dolore addominale si presenta sotto forme così diverse e variegate? Per rispondere a questa domanda bisogna individuare le cause, che possono essere tantissime. Innanzitutto il dolore addominale può essere acuto, se si manifesta all’improvviso, oppure cronico se si presenta in maniera continua. Il disturbo potrebbe essere causato da qualche problema degli organi interni, che si riversa poi sull’addome. Altre cause possono essere traumi, neoplasie di varia natura, malattie autoimmuni ed infezioni intestinali.

Il dolore addominale è spesso accompagnato ad altri sintomi come vomito, brontolii, nausea, eruttazioni, flatulenze, mal di schiena e dolori alle gambe. Nella pancia infatti non ci sono solo gli organi, ma anche le ossa, i nervi ed i muscoli che possono essere compromessi.

Come curare il dolore addominale?

Non esiste un’unica cura contro il dolore addominale, anche perché le cause possono essere infinite. Bisogna quindi individuare la causa, per poi intervenire su di essa in modo mirato per eliminare il dolore addominale alle origini. In questi casi è utile un’anamnesi, grazie alla quale il medico conosce la storia del paziente per raccogliere informazioni preziose.

Generalmente per individuare esattamente la causa del dolore addominale vengono prescritti: esami del sangue, esami delle urine, esami delle feci, esami strumentali con tecniche di imaging, radiografie ed ecografie. In questo modo il dottore ha un quadro della situazione completo e può individuare più facilmente la causa principale del dolore addominale.

Rimedi naturali

Se il dolore addominale è passeggero e non si presenta con preoccupante puntualità, può essere risolto con rimedi naturali. Molto spesso è sufficiente posizionare una borsa di acqua calda sull’addome per ridurre il dolore, fino a farlo scomparire. In alternativa si può fare un bagno caldo oppure bere qualcosa di caldo, magari del tè, per fornire al corpo i liquidi necessari per idratarsi. Nel frattempo è opportuno evitare o almeno ridurre il consumo di bevande alcoliche, gassate o contenenti caffeina.

Quando rivolgersi al medico

Se il dolore persiste e si presenta con una certa frequenza, allora è consigliabile recarsi dal medico. Un consulto con un professionista è necessario anche se il problema si presenta con altri sintomi preoccupanti come: perdita di peso, perdite vaginali anomale, disturbi nella minzione, sanguinamento rettale, febbre e diarrea.

Se si sente dolore quando si preme sulla pancia, l’addome è duro al tatto, c’è sangue nelle feci o nel vomito, si fa fatica a respirare e la pelle tende ad essere giallastra è necessario recarsi quanto prima al pronto soccorso.

Quali malattie può causare

Le patologie associabili al dolore addominale sono:

  • Acetonemia
  • Amebiasi
  • Anafilassi
  • Anemia Emolitica
  • Anemia Emolitica Autoimmune
  • Aneurisma aortico
  • Angina Addominale
  • Angina Instabile
  • Angina pectoris
  • Anisakiasi
  • Anoressia Nervosa
  • Antrace
  • Appendicite
  • Beriberi
  • Brucellosi
  • Bulimia
  • Calcoli Cistifellea
  • Calcoli Renali
  • Cancro al colon
  • Cancro dell’endometrio
  • Cancro della Vescica
  • Celiachia
  • Cervicite
  • Chetoacidosi alcolica
  • Chetoacidosi diabetica
  • Cisti Dermoide
  • Cistinuria
  • Cistite interstiziale
  • Cistopielite
  • Clamidia
  • Coagulazione Intravascolare Disseminata
  • Colangiocarcinoma
  • Colangite sclerosante
  • Colecistite
  • Colica renale
  • Colite
  • Colite Ischemica
  • Colite Spastica
  • Colite ulcerosa
  • Congestione digestiva
  • Coronaropatia
  • Corpo Luteo Emorragico
  • Crioglobulinemia
  • Diarrea del viaggiatore
  • Disturbo da alimentazione incontrollata
  • Diverticolite
  • Diverticolo di Meckel
  • Diverticolosi
  • Drepanocitosi
  • Ebola
  • Echinococcosi
  • Emocromatosi
  • Emocromatosi Primitiva e Secondaria
  • Emoglobinuria Parossistica Notturna
  • Emosiderosi
  • Endometriosi
  • Enterite
  • Epatite
  • Epatite A
  • Epatite B
  • Epatite D
  • Epatite E
  • Epatite fulminante
  • Epididimite
  • Ernia addominale
  • Ernia inguinale
  • Favismo
  • Febbre di Lassa
  • Febbre emorragica Crimea-Congo
  • Febbre emorragica di Marburg
  • Febbre reumatica
  • Fibrosi Cistica
  • Fuoco di Sant’Antonio
  • Gastroenterite
  • Gastroenterite virale
  • Giardiasi
  • Gonorrea
  • Gravidanza Ectopica
  • Infarto Intestinale
  • Infarto miocardico
  • Infezione da cytomegalovirus (CMV)
  • Ingestione di sostanze caustiche
  • Insufficienza surrenalica
  • Intolleranza al lattosio
  • Intolleranze alimentari
  • Iperparatiroidismo
  • Legionellosi
  • Leptospirosi
  • Leucemia
  • Liposarcoma
  • Listeriosi
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Malaria
  • Malattia da graffio di gatto
  • Malattia di Chagas
  • Malattia di Kawasaki
  • Malattia di Whipple
  • Malattia di Wilson
  • Malattia infiammatoria pelvica
  • Malattia mano-piede-e-bocca
  • Megacolon tossico
  • Mesotelioma pleurico
  • Mielite
  • Mielofibrosi
  • Morbo di Cooley
  • Morbo di Crohn
  • Morbo di Hirschsprung
  • Nefropatia Diabetica
  • Neurofibromatosi
  • Neuropatia diabetica
  • Occlusione intestinale
  • Onfalite
  • Orchite
  • Ossiuriasi
  • Pancreatite
  • Pannicolite
  • Pellagra
  • PFAPA
  • Pielonefrite
  • Poliomielite
  • Porfiria
  • Prostatite
  • Salmonella
  • Scarlattina
  • Schistosomiasi
  • Sclerosi Tuberosa
  • Sferocitosi
  • Shigellosi
  • Sindrome da stanchezza cronica
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Sindrome di Ehlers-Danlos
  • Sindrome di Zollinger-Ellison
  • Sindrome emolitico-uremica
  • Sindromi parainfluenzali
  • Spondilite anchilosante
  • Sprue tropicale
  • Steatosi epatica
  • Tifo
  • Torsione annessiale
  • Trichinosi
  • Tumore ai testicoli
  • Tumore al fegato
  • Tumore al pancreas
  • Tumore del colon-retto
  • Tumore di Wilms
  • Ulcera duodenale
  • Vaiolo
  • Varicella
  • Vescica neurologica.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi