Sangue nelle feci – Cause e sintomi – Rimedi e cure

Il sangue nelle feci può sottendere la presenza di altre patologie e si manifesta in forme diverse. Nei seguenti paragrafi analizziamo come affrontare questo disturbo e quali sono le cause principali.

Cos’è il sangue nelle feci?

Il sangue nelle feci indica un problema nel tratto digerente e può provenire da un’emorragia in atto in qualsiasi punto del tubo digerente, dalla bocca all’ano. L’emorragia potrebbe essere provocata da problemi ai vasi sanguigni, danni alla parete dell’esofago, gastriti, traumi, presenza di corpi estranei, ulcere sanguinanti, emorroidi, diverticolite, malattie infiammatorie intestinali, infezioni, ragadi o infarto intestinale.

In base al luogo della perdita ematica possono manifestarsi 3 disturbi: melena, rettorragia ed ematochezia. In alcuni casi il sanguinamento, pur essendo presente, non risulta visibile.

Si parla di melena quando c’è sangue digerito nel materiale fecale. Le feci si presentano liquide, nerastre e con un caratteristico odore acido. La particolare colorazione del sangue dipende dal processo di ossidazione di ferro dell’emoglobina durante il passaggio attraverso l’ileo ed il colon.

Per ematochezia si fa riferimento all’emissione di feci miste a sangue di colore rosso vivo. In tal caso è probabile che ci sia una perdita dalle basse vie digestive, poiché il sangue non riesce ad essere digerito. L’ematochezia però può anche presentarsi in caso di emorragia delle alte vie.

Infine la rettorragia indica una perdita di sangue rosso vivo dallo sfintere anale e si differenzia dall’ematochezia poiché non si mischia alle feci, ma le vernicia esternamente. Se si verifica anche del gocciolamento di sangue dopo la defecazione, probabilmente è dovuto alle emorroidi prolassate. Se invece il sangue è presente sulla carta igienica o ci sono piccole strisce sulle feci, il disturbo è causato con ogni probabilità da ragadi anali.

Come curare il sangue nelle feci?

Per curare il sangue nelle feci bisogna individuare la causa per agire su di essa. Innanzitutto il medico raccoglie tutte le informazioni possibili tramite un’accurata anamnesi per conoscere i sintomi associati ed eventuali patologie preesistenti o già presenti in famiglia.

Successivamente il medico può ordinare l’esame fisico-chimico delle feci per analizzare un campione fecale e verificare la presenza di infezioni o patologie. Altri esami che possono essere richiesti sono la colonscopia (esplorazione del colon tramite un sondino flessibile introdotto per via anale), gastroscopia (inserimento di un tubicino flessibile attraverso la bocca per esplorare il tratto digestivo superiore) e prelievi di sangue per valutare emocromo, marker infiammatori e marker tumorali.

Generalmente vengono prescritti: antiacidi per gastriti, ulcera ed esofagite; antibiotici o antiparassitari per le infezioni; antinfiammatori per malattie infiammatorie; chirurgia per neoplasie, angiodisplasia e patologia retto-anale. In caso di mancanza di ferro è opportuno seguire un’alimentazione a base di ferro.

Rimedi naturali

Seguire una corretta alimentazione è sicuramente un buon viatico per ridurre i problemi di sangue nelle feci. Bisogna ridurre cibi speziati e piccanti, il fumo e l’alcol. É molto importante bere almeno un paio di litri di acqua al giorno.

Quando rivolgersi al medico?

Il sangue nell’ano è una condizione abbastanza comune nei bambini, soprattutto in presenza di stitichezza. Se però il disturbo si prolunga è consigliabile consultare il medico. Lo stesso discorso vale per gli adulti, soprattutto gli over 50.

Quali malattie può causare?

Le malattie associabili al sangue nelle feci sono:

  • anemia;
  • ascesso perianale;
  • cancro al colon;
  • carcinoma della cervice uterina;
  • cirrosi epatica;
  • clamidia;
  • colite;
  • colite ulcerosa;
  • dengue;
  • diverticolite;
  • ebola;
  • emorroidi;
  • gastroenterite;
  • gastroenterite virale;
  • gonorrea;
  • insufficienza renale;
  • morbo di Crohn;
  • onicofagia;
  • polipi intestinali;
  • proctite;
  • ragadi anali;
  • salmonella;
  • tifo;
  • tumore allo stomaco;
  • tumore del colon-retto;
  • tumore dell’ano;
  • ulcera peptica.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi