Le ferie post Covid

Questo è stato di sicuro un anno molto particolare, l’emergenza coronavirus ha condizionato la nostra vita per un lungo periodo: da quella che, almeno inizialmente, era stata identificata da alcuni come una normale influenza, partita dalla cittadina cinese di Wuhan, sono nati i primi focolai e, nel giro di poco tempo, ci siamo ritrovati chiusi in casa per diversi mesi, senza poter uscire se non per motivi di necessità e urgenza e senza poter incontrare né amici né parenti. Anche il mondo del lavoro si è dovuto fermare, fatte salve quelle attività rientranti nel settore medico e sanitario e quelle necessarie per l’approvvigionamento di beni di prima necessità. Solo con il passaggio alla fase 2 abbiamo potuto ricominciare a uscire, siamo tornati alle nostre attività quotidiane e lavorative, mantenendo comunque il distanziamento sociale e tutte le precauzioni necessarie ad evitare che la curva del contagio risalisse pericolosamente.

 

Mare o montagna?

Ora siamo giunti all’estate e siamo al momento di decidere (anzi, dovremmo averlo già fatto!) come trascorrere le nostre vacanze. Di sicuro il periodo che abbiamo trascorso avrà inevitabilmente condizionato le nostre scelte. A quanto pare molti più italiani quest’anno hanno preferito rimanere all’interno dei nostri confini, rimandando la visita ai Paesi stranieri a momenti di minore incertezza. D’altronde le nostre coste sono fra le più affascinati e ricche di soluzioni turistiche, potendo anche godere di un clima estremamente favorevole. Ma non dobbiamo dare per scontato che estate significhi mare: sempre più persone amano trascorrere le vacanze estive nelle zone interne, ai laghi, e ancor di più nei luoghi montuosi, dove le temperature sono decisamente più gradevoli, almeno per i non amanti del solleone e della tintarella, con paesaggi incantevoli e natura che offre degli spettacoli irripetibili, fra verde e montagne.

 

Le soluzioni del buon viaggiatore

Qualsiasi sia la tua destinazione, le vacanze ci portano spesso ad essere itineranti, a mangiare fuori e non sempre ci va di accontentarci del classico panino o di sederci ad un ristorante per un semplice pasto durante il viaggio. È in questi casi che il turista trova soluzioni ingegnose, come ad esempio il porta pranzo termico, utilizzabile sia nelle nostre case vacanze che in auto, collegato alla presa dell’accendisigari.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi