Energy Box apre nuove frontiere per la ricostruzione a L’Aquila

Share

Energy Box è un progetto virtuoso di ricostruzione post-sisma, terminato la scorsa primavera, in cui prevalgono efficienza, sicurezza e sostenibilità. Il 6 aprile del 2009 la città de L’Aquila è colpita da un terribile terremoto d’intensità 5,8 gradi della scala Richter. Il bilancio è di trecento morti, migliaia di persone senza più una casa e

danni incalcolabili al patrimonio artistico della città medievale. La ricostruzione inizia con 150 appartamenti in legno e, in seguito, con complessi residenziali a tre piani realizzati da imprese italiane in collaborazione con produttori austriaci. 

 Terremoto de L’Aquila: i numeri della ricostruzione 

Dopo questa prima fase, gli interventi a L’Aquila vanno a rilento, con la costruzione di alloggi provvisori in periferia, le “New Towns”, anonimi e senza personalità. Non esiste un programma concreto di ricostruzione, anzi, tutto procede con irregolarità e sprechi.
Ecco allora che un giovane e intelligente ingegnere, Pierluigi Bonomo, concretizza l’idea di Energy Box: realizzare un alloggio biocompatibile sui ruderi di un edificio danneggiato dal sisma, rispettandone la memoria.

Queste le sue parole: Le impronte dei vecchi muri di pietra, come una fotografia che sbiadisce nel corso del tempo, simboleggiano in forma materiale e in modo simbolico il rapporto tra il passato pesante e indelebile e l’aspirazione a un futuro migliore, che si realizzerà con la leggerezza del nuovo, mediante tecnologie sicure, efficienti e sostenibili”.

Ed è per questo che sono state preservate alcune tracce murarie perimetrali e recuperati alcuni materiali del vecchio edificio demolito.

La nuova costruzione, che si sviluppa su 300 mq di superficie, comprende soggiorno, cucina, tre camere, un bagno, box e una sala polifunzionale.
La struttura utilizza pannelli di legno lamellare a strati incrociati X-LAM CLT, un materiale particolarmente indicato per la sua resistenza alle scosse sismiche, mentre il rivestimento esterno è costituito da lamelle in larice disposte orizzontalmente, che fungono da frangisole per permettere la regolazione della ventilazione e dell’intensità luminosa, oltre che ridurre al minimo gli scambi termici.

I criteri progettuali seguono i principi della Passivhaus: un sistema solare termico con pompa di calore, pannelli fotovoltaici, recupero delle acque piovane, ventilazione meccanica e naturale.
Queste tecnologie aiutano a ridurre il fabbisogno energetico di Energy Box a soli 7kWh/mq anno, con emissioni di CO2 quasi nulle, tali da consentire di essere il primo edificio della Regione Abruzzo in certificazione Casaclima Gold e partecipare come finalista al Premio Fondazione Renzo Piano 2013.  

Leggi anche:

Cucinella per il più grande quartiere di housing sociale in Italia

Anche Mario Cucinella firma il Villaggio Expo 2015, la cui inaugurazione è prevista per il primo Maggio 2015. A seguito del concorso del 2008 in

Un’enorme cupola in rame per una cantina umbra: il Carapace di Arnaldo Pomodoro

Osservando da lontano questa imponente eppur quieta cupola di rame che cerca di mimetizzarsi tra gli elementi naturali del paesaggio che ospita l

Milanofiori: modello abitativo contemporaneo sostenibile

Il quartiere Milanofiori Nord ad Assago (Milano) si sviluppa su criteri di elavata qualità e sostenibilità ambientale sia a livello compositivo

Un monumentale parco di archeologia industriale vicino alla cascata delle Marmore

Che fine fanno i macchinari industriali, una volta dismessi? Sono spesso accantonati da qualche parte, troppo grandi per essere smaltiti facilmen

Costruzioni in paglia: l’ampliamento di un’abitazione con materiali naturali a km zero

Incontro gli architetti Giuseppe Andreoli e Simone Lorenzoni nello studio dove lavorano, il DDA, e cominciamo. Ci sono anche l’architetto Aless

Tags:



Leggi tutto