Torna l’incubo Fukushima, altri 350 serbatoi d’acqua radioattiva sono a rischio perdite

<!–occhiello:start–>Torna l’incubo Fuskushima poiché la perdita di 300 tonnellate di acqua radioattiva è stato valutato livello 3 della scala INES, il che vuol dire: grave e ci sono altri 350 serbatoi che rischiano di rilasciare perdite<!–occhiello:end–> TEPCO ammette la fuoriuscita dialtra acqua radioattiva sversata nell&rsquo…

Leggi tutto

Integrazione eolico-fotovoltaico per produrre più energia verde

Cosa c’è di più ‘green’ di un impianto solare? Un impianto per la produzione di energia che integra eolico e fotovoltaico. L’idea è stata lanciata dalla statunitense Cleantech Wind che ora cerca finanziamenti per avviare la produzione su larga scala. Il progetto prevede l’installazione di una …

Leggi tutto

BIOCARBURANTI DALLE ALGHE

Sembra che finalmente si stiano sperimentando seriamente biocarburanti (o biofuels) ricavati da prodotti biologici che non derivino da prodotti alimentari.Il grande problema dei bicarburanti come il biodiesel o il bioetanolo è infatti che vengono solitamente ottenuti da prodotti che normalmente si utilizzano per l’alimentazione umana oppure la materia prima …

Leggi tutto

La scala della salute


Possiamo immaginare la nostra salute come una scala, dove il gradino più alto rappresenta la salute perfetta (irraggiungibile proprio per via della nostra natura umana “materiale”), più si scende nei gradini sottostanti più ci si allontana dal primo, e di conseguenza diminuisce il livello della nostra salute. La Forza Curativa della Natura (chiamata fin dall’antichità “Vis Medicatrix Naturae”) è sempre orientata verso la conservazione della vita, per cui opera incessantemente per farci salire verso il gradino più alto della scala della nostra salute. Il solo modo per poter risalire i gradini della scala è quello di riuscire a sviluppare delle malattie, che di fatto sono l’espressione dello sforzo incessante della Natura per poter raggiungere i gradini più alti e quindi garantirci il maggior livello di salute possibile. Quindi la malattia non è “qualcosa da combattere”, ma piuttosto è il momento fondamentale della guarigione. E’ importante sapere che i gradini più in alto della scala della salute sono relativamente bassi, mentre più si scende nella scala e più i gradini diventano alti (ed è quindi più difficile risalirli). Di conseguenza, la gravità della malattia sarà proporzionata al livello della scala in cui ci si trova. La differenza tra un “raffreddore” ed un “tumore maligno” è che il raffreddore è una malattia lieve perché situata nei gradini più in alto, quindi è molto facile guarire da esso; il tumore maligno invece è una malattia grave perché è situato nei gradiniinferiori della scala della salute, per questo è molto difficile guarire da esso e anzi, spesso, di tumore si muore. La malattia c’è solo quando è necessaria, e rappresenta lo sforzo della Forza Vitale per riportare l’individuo in equilibrio… più la malattia è grave più lo sforzo della Vis Medicatrix è grande!I tumori sono uno sforzo enorme che Forza Vitale fa per riportarci alla salute,per farci risalire quei gradini molto in basso e molto alti!Per questo è assurdo aggredire le cellule tumorali per distruggerle, bisogna invece aiutare la Vis Medicatrix nel suo sforzo o, ancora meglio, prevenire l’insorgenza di patologie così gravi supportando la Forza Vitale in ogni sua manifestazione di malattia, perché più si è vicini al gradino più alto più è facile risalire e avvicinarsi maggiormente alla salute perfetta!Contrariamente a quanto sembra assodato, non sono i microbi la causa delle malattie. Credere a ciò è come dire che i topi sono la causa delle discariche di immondizia. L’unica e vera causa delle malattie è l’alterazione della Forza Vitale, e l’unica preoccupazione del medico deve essere quella di correggere questa alterazione. I microbi sono sempre presenti in ogni persona in modo silente, senza provocare alcuna infezione. Essi costituiscono la normale flora microbica della pelle e di tutte le mucose del’organismo (mucose delle vie respiratorie, intestinali, urinarie, uretrali e vaginali), superando di molte volte il numero delle cellule dello stesso organismo che li ospita!I microbi invece rappresentano lo strumento di cui la Natura, in particolari condizioni favorevoli, si serve per suscitare la malattia e poter quindi salire la scala verso i gradini più alti, essi non sono la malattia ma rappresentano “un’occasione di malattia”. Essi vengono attivati dal nostro Sistema Immunitario grazie alla produzione di anticorpi specifici, i quali così innescano il processo patologico in grado di farci progredire nella scala della salute. Per questo qualunque terapia diretta contro i microbi (antibiotici, antivirali, antimicotici, antiparassiti) interrompendo inevitabilmente il processo infettivo, in quel momento necessario per il raggiungimento di un migliore stato di salute, crea un ulteriore squilibrio nell’organismo, facendo sì che la patologia vada sempre più in profondità. Così facendo, invece di salire, si scende inesorabilmente verso i gradini inferiori della scala della salute e, come abbiamo visto, man mano che si scende nella scala, i gradini inferiori diventano sempre più alti rispetto a quelli superiori. Ciò significa che, per poter risalire, la Forza Vitale sarà costretta a sviluppare patologie via via più gravi rispetto alle precedenti. In questo modo le patologie, da acute e di breve durata, diventano ricorrenti, con sintomi sempre più forti e di lunga durata. Le continue soppressioni, sia mediche che chirurgiche, conducono inevitabilmente allo sviluppo delle patologie croniche, come estremo tentativo di guarigione da parte della Forza Vitale. Quali sono i fattori che provocano la continua discesa nella scala della salute?Quelli che di fatto rappresentano le vere cause delle malattie, perché con la loro azione di discesa suscitano inevitabilmente l’alterazione e quindi la reazione della Forza Vitale che cerca di farci risalire attraverso lo sviluppo delle malattie. Le vere cause delle malattie non sono le malattie, ma le condizioni che precedono e predispongono allo sviluppo delle malattie, come reazione di guarigione da parte della Forza Vitale. Qualunque malattia viene considerata come la manifestazione esterna, superficiale, organica, di una realtà interna, profonda, non visibile direttamente, immateriale, che ne rappresenta l’origine, la causa prima.

Gabriella Filice

Leggi tutto

Cibi biologici…sì o no?

Un nuovo studio dell’università di Stanford, pubblicato di recente sull’Annals of Internal Medicine riapre il dibattito sul cibo biologico. Si tratta di una garanzia per la salute rispetto a prodotti alimentari inquinati e tossici o è al contrario una colossale bufala? Sfruttando la sempre maggior consapevolezza dei consumatori, il mercato del biologico continua a crescere ma i dati certi sugli effetti dei prodotti bio sulla nostra salute rimangono scarsi. Mancano in particolare studi di lunga durata che confrontino la salute dei consumatori di alimenti biologici con quella di coloro che assumono invece alimenti tradizionali. Fino a quando studi di questo tipo non vengono svolti su larga scala saremo costretti a basare le nostre valutazioni su dati parziali.Ma alcuni di questi dati rimangono comunque importanti e assolutamente a favore dei prodotti biologici. Per esempio è stato visto che sono sufficienti pochi giorni di un’alimentazione basata su cibi biologici per ridurre in modo significativo il livello di pesticidi nelle urine. I soliti scettici diranno che non si sà con certezza se i pesticidi assimilati facciano male o meno. Già, ma in attesa di saperlo, meglio ridurne l’esposizione o no? Lo studio di Stanford non ha riscontrato nei cibi biologici valori maggiori di vitamine e anti-ossidanti ma altri dati sembrano invece indicare un leggero vantaggio per i cibi biologici.  Nel dubbio perché non prediligere allora questi ultimi? Non esiste un’evidenza forte che i cibi biologici siano più nutrienti di quelli convenzionali, concludono gli esperti di Stanford. Ma esiste un’evidenza che non lo siano?Tutto questo non significa che biologico è sempre sinonimo di salute e che il resto del cibo sia per definizione poco sano. E il biologico è certamente migliorabile ma qualsiasi tentativo di ripulire la nostra catena alimentare è meglio del continuare a fare finta che non sia necessario farlo.

Leggi tutto