Una APP sul nucleare, l’IAEA condivide il database sull’energia atomica sugli smartphone

<!–occhiello:start–>Una app sul nucleare voluta da IAEA in collaborazione con INIS International Nuclear Information System e in collaborazione con 128 paesi e 24 organizzazioni internazionali per rendere trasparente l’energia atomica<!–occhiello:end–> INIS, l’International Nuclear Information System è impegnato a rendere diponibili i suoi databe…

Leggi tutto

Design for the other 90%: la mostra che ha migliorato la vita di 10 milioni di persone

Share

C’è un design di cui si parla poco e che fa dell’utilità la sua vera missione. Si tratta del design rivolto ai paesi più poveri e in via di sviluppo, attraverso oggetti che cercano di risolvere in modo ingegnoso ed economico i veri bisogni delle popolazioni più in difficoltà. Sono questi gli oggetti che popolano la mostra “Design for the other 90%”, piccole invenzioni per portare acqua dove non c’è una fonte, illuminare case e

strade di villaggi senza elettricità e migliorare la vita di chi è meno fortunato.

 17 iniziative per contrastare i cambiamenti climatici premiate dall’ONU

 GRANDI PROBLEMI, PICCOLE SOLUZIONI
Avere a disposizione acqua potabile, corrente elettrica, quaderni per la scuola, sembra qualcosa di assolutamente ovvio.
Purtroppo però, in moltissimi paesi del mondo, non è così, acqua, luce e servizi per noi ordinari mancano totalmente. È proprio qui che l’ingegno dei designer entra in scena proponendo soluzioni economiche per risolvere, o quantomeno agevolare, l’accesso alle risorse primarie.

Risale al 2007 la mostra “Design for the other 90%” presso il Cooper-Hewitt National Design Museum di New York, dove il termine “90%” rappresenta la percentuale di popolazione che all’epoca non aveva accesso diretto alle risorse principali.

Sovvenzionate dallo psichiatra Paul Polak, fondatore dell’IDE (International Development Enterprise), le creazioni esposte hanno già migliorato la qualità della vita di circa dieci milioni di persone.

Si tratta di oggetti di uso comune reinventati e progettati secondo le esigenze delle popolazioni più povere per renderli funzionali e accessibili.

Le opere vanno dal frigorifero di coccio alla ruota porta acqua, alle pompe di irrigazione a pedali, costruite con il bambù, alle borse di stoffa con panelli fotovoltaici.

Oltre a soddisfare le esigenze più comuni, alcuni di questi oggetti sono veri e propri strumenti di lavoro, che consentono alla popolazione non solo di sopravvivere, ma di produrre più di quanto necessario creando così un mercato dinamico e proficuo.

 SEMPLICEMENTE UTILI
Bambù Tradle Pumps
Utilizzato principalmente in Nepal, Bangladesh e India, questo ingegnoso sistema in bambù facilita la raccolta dell’acqua nelle stagioni più secche. Il funzionamento è quello delle pompe a motore ma con un costo nettamente inferiore.

 
La pompa di aspirazione è costituita da due cilindri di metallo azionati dai piedi che si muovono sui pedali. La semplicità della struttura e la reperibilità del materiale fa sì che il prodotto sia facilmente riproducibile dalle aziende locali.

CellBag
Questa pratica borsa ha come scopo principale quello di facilitare il trasporto dell’acqua, durante viaggi spesso molto lunghi e faticosi.

Diffusa soprattutto in Africa e disegnata dal designer Mathieu Lehanneur, la CellBag si ispira al modo in cui le cellule trasportano acqua e sostanze nutritive. Consiste in una tanica da 1L che si può comodamente indossare come una borsa, è igienica e pratica. È disponibile anche nella versione “urbana”, adatta a chi fa sport, e i ricavati delle vendite andranno a finanziare progetti umanitari in Africa.

Little Sun
Questa piccola e colorata lampada cerca di portare un pò di luce a chi vive nel buio a causa della totale assenza di corrente elettrica. Bastano 5 ore di esposizione al sole per avere 10 ore di luce più soft o 4 ore di luce intensa.

La lampada è facilmente trasportabile, di colore giallo e con una forma che ricorda quella del sole e il segreto del suo funzionamento è sul retro, un piccolo pannello fotovoltaico che cattura i raggi solari per restituirli in luce. 

Foroba Yelen
Il nome è stato scelto dal popolo del Mali e significa “luce collettiva”.
Nato da un progetto di illuminazione rurale, destinato ai territori africani, Foroba Yelen è un lampione trasportabile, dotato di batterie solari e di una ruota che ne consente il semplice movimento anche sui sentieri più impervi.

Il lampione è concepito per essere facilmente trasportato da donne e bambini e per essere utilizzato ovunque, per il lavoro e per la scuola.
Un progetto semplice ed utile che nel 2012 si è aggiudicato il City to City Barcelona FAD Award. 

Questi e molti altri sono i progetti destinati al Terzo mondo, oggetti che spesso, con disarmante semplicità, riescono a ridare speranza e un aiuto concreto a chi ne ha più bisogno.
Uno spunto per riflettere sul ruolo del design e sulla sua utilità, e ritrovare nelle situazioni più difficili nuovi stimoli e nuove sfide!

Leggi anche:

Ricaricare le auto elettriche da fonti rinnovabili: il progetto di una start-up italiana

La lancetta del carburante che precipita inesorabilmente verso il basso, la spia che si accende, la paura di non riuscire a raggiungere la prima

Future Build – Salone della sostenibilità: a Parma dal 13 al 16 Febbraio

È in arrivo la seconda edizione di Future Build – Salone della sostenibilità, in programma dal 13 al 16 febbraio prossimi a Fiere di Parma, il

Green Deal: il modello britannico per ristrutturare gli edifici senza alcuna spesa

Con il programma Green Deal Energy Saving for home or business, da un anno, in Gran Bretagna si ristrutturano gli edifici senza spendere. Il Gove

Intelligent School Design: il corso di perfezionamento dello IUAV

La progettazione degli edifici scolastici è un tema complesso: il design delle aule e degli spazi comuni influenza l’apprendimento, la

Paesaggi dell’energia rinnovabile. L’inserimento delle fonti pulite nel territorio

La dissipazione di energia è propria di ogni tipo di sistema esistente, seppur secondo differenti stadi di spreco di energia e materia: il conte

Tags:


Leggi tutto

L’Oréal: materie prime sostenibili entro il 2020 con il progetto Deforestazione zero

<!–occhiello:start–>L’Oreal, la più grande azienda di bellezza e cosmetici al mondo si è impegnata per deforestazione 0 dai suoi prodotti entro il 2020. Greenpeace spera che altre aziende si aggiungano all’ambizioso calendario<!–occhiello:end–> Con il progetto Sharing the wbeauty with all L’Oreal si…

Leggi tutto

Avorio, la Cina distrugge oltre 6 tonnellate di “oro bianco”

<!–occhiello:start–>A Donngguan frantumati 6100 chili di avorio. Soddisfazione fra gli ambientalisti: “Un potente atto dimostrativo”<!–occhiello:end–> La Cina è fra i principali importatori di avorio al mondo, ecco perché la notizia della distruzione, da parte del governo di Pechino, di oltre 6 tonnellate di…

Leggi tutto

Articoli&nbsp;- NEI PARCHI DEL KENYA

Nella terra dei Masai – Itinerario tra Tsavo, Amboseli, Masai Mara e lago Turkana, tra alcuni dei paesaggi più spettacolari dell’Africa Il Kenya è stata la prima destinazione del turismo in Africa Nera, anche grazie ai romanzi di Ernest Hemingway negli anni Sessanta qui vennero organizzati in primi safari fotografici, …

Leggi tutto