Vitamina C, la vitamina giusta per affrontare l’inverno

fonte

La vitamina C (detta anche acido ascorbico) è una vitamina idrosolubile che svolge numerose funzioni nel nostro organismo: in particolare si tratta di una vitamina dalla spiccata azione riducente in grado di inserirsi all’interno di processi di ossidoriduzione e, donando elettroni, è in grado di ridurre l’azione dannosa dei radicali liberi.

Oltre l’azione antiossidante, la vitamina C stimola la sintesi del collagene (proteina strutturale che ritroviamo nei vasi sanguigni, pelle, muscoli..), rinforza il sistema immunitario, è inoltre coinvolta nei processi di sintesi degli ormoni steroidei e dei sali biliari, favorisce l’assorbimento del ferro.

Numerosi studi confermano inoltre la capacità della vitamina C di proteggere sia il sistema nervoso centrale, grazie alla funzione protettiva sulle membrane nei confronti della perossidazione dei lipidi, sia l’intero organismo dai processi di carcenogenesi (la vit. C inibisce la formazione di nitrosamine, sostanze cancerogene).

Carenze di vitamina C pare siano inoltre associate a complicanze cardiovascolari e aterosclerosi.

La dose raccomandata è di 60 mg/die, il dosaggio andrebbe aumentato nelle donne in gravidanza (almeno 10 mg/die in più), allattamento (almeno 30 mg/die in più) e addirittura raddoppiato nei fumatori.

La vitamina C può essere tranquillamente integrata con l’alimentazione: diversi tipi di frutta e di verdura dimostrano un contenuto in vitamina C soddisfacente e quindi andrebbero consumate frequentemente per favorire l’integrazione di questa vitamina: tra questi alimenti ricordiamo principalmente: kiwi, agrumi, fragole, broccoli, peperoni, pomodori, ma anche rosa canina e acerola (due piante altamente ricche di vitamina C, utilizzate per la preparazione di tisane e prodotti erboristici in genere).

L’assunzione di vitamina C è consigliata sia per la prevenzione che per la cura di influenze e raffreddori: in fase preventiva si può optare per l’assunzione di alimenti o integratori alimentari ricchi di vitamina C nei mesi precedenti l’inverno e per tutta la durata della stagione fredda, durante l’influenza invece l’assunzione di vitamina C favorisce l’azione difensiva del sistema immunitario riducendo la severità dei sintomi e la durata della malattia.

Potrebbe intessarti  La nevralgia ai denti: i sintomi, le cause e le cure più efficaci

L’eccesso di vitamina C è molto raro: dosi superiori a 1g/die possono provocare diarrea, nausea e cefalee, pare inoltre che l’ipervitaminosi causi accumulo di ossalati nelle urine con conseguente formazione di calcoli renali di ossalato.

 Patrizia Lamberti

I consigli dispensati NON SONO IN ALCUN MODO DA RITENERSI DI VALORE MEDICO/PRESCRITTIVO. Le informazioni fornite sono a scopo puramente divulgativo e informativo, pertanto non intendono in alcun modo sostituirsi a consigli medici. In presenza di patologie occorre sempre consultare il proprio medico.

Related posts

  • I rimedi Omeopatici e Fitoterapici contro l’influenza
  • I Tarocchi e loro significato
  • I filler
  • ATLANTIC CODE
  • Il cibo: un valido alleato contro l’ansia

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale
Fonte:
Argomenti trattati: Ricette Vegetariane | Salute | Wellness | Naturopatia | Fitoterapia | Rimedi Naturali | Medicina Naturale | Olistica | Vivere Bene | Benessere
Altre informazioni inerenti Vitamina C, la vitamina giusta per affrontare l’inverno: , admin, , Viverenews, Uno Strumento Per Vivere Bene

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi