Ricette Vegetariane : Pappa al pomodoro

Niente più sport drink, la nuova frontiera dell’integrazione dopo l’attività fisica è il succo di pomodoro. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Food and Chemical Toxicology da Christina Tsitsimpikou del General Chemical State Laboratory of Greece (Atene) e da altri ricercatori greci i preziosi nutrienti contenuti in questa bevanda vegetale aiutano i muscoli a rimettersi in forma dopo essere stati stirati e stressati durante l’esercizio.

Gli autori dello studio si sono concentrati sui danni muscolari causati dall’attività anaerobica, quella in cui l’energia necessaria alle cellule viene prodotta in assenza di ossigeno. In queste condizioni lo stress ossidativo generato dall’esercizio può compromettere lo stato dei muscoli. Tuttavia, il licopene presente nel succo di pomodoro può aiutare a contrastare l’insorgenza di danni grazie al suo elevato potere antiossidante.

La ricerca ha coinvolto 15 atleti con elevati livelli di partenza di lattato deidrogenasi e di creatinfosfochinasi, due enzimi associati al danno muscolare causato dall’esercizio anaerobico. Durante i due mesi di studio 6 di questi atleti hanno continuato a reintegrare liquidi e nutrienti persi con l’attività fisica affidandosi alle classiche bevande per sportivi a base di carboidrati. Gli altri 9 hanno, invece, bevuto succo di pomodoro sia durante, sia dopo gli allenamenti.

Le analisi condotte dai ricercatori hanno dimostrato che solo il succo di pomodoro – e non gli sport drink – porta ad una riduzione dei livelli dei due enzimi. Allo stesso tempo la bevanda vegetale riduce i livelli di omocisteina e di proteina c-reattiva, due marcatori del rischio cardiovascolare. Infine, anche il succo di pomodoro consente di ripristinare i normali valori di zuccheri nel sangue.

Tenendo in considerazione che per ottenere i risultati riportati sono stati sufficienti solo due mesi, il succo di pomodoro sembra essere decisamente efficace nel contrastare i danni dello stress ossidativo. D’altra parte, le potenzialità del licopene sono note ormai da tempo. Studi precedenti hanno infatti dimostrato che questa molecola, responsabile del colore rosso del frutto, protegge dal cancro, dalle patologie cardiovascolari e da altre malattie. Ora non resta che aggiungere alla lista dei suoi nemici lo stress ossidativo che può danneggiare i muscoli.

Via | Daily Mail

il suggerimento: la pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro è un primo piatto povero di origine contadina, tipicamente toscano, per la precisione di Siena; preparato con pane toscano raffermo, pomodori pelati , aglio, basilico e abbondante olio extravergine di oliva, originariamente veniva realizzato come piatto di recupero del pane avanzato.

La pappa al pomodoro diventò famosa al di fuori della Toscana, non solo per la citazione fatta dallo scrittore fiorentino Vamba nel suo libro “Il giornalino di  Gianburrasca”, ma anche perchè più tardi la cantante Rita Pavone, impersonando in televisione  il pestifero bambino protagonista del libro, ne cantò le imprese con la canzone “Viva la pappa col pomodoro”.

Ottima d’inverno come zuppa calda, la pappa al pomodoro è altrettanto invitante e gustosa d’estate a temperatura ambiente, da gustare irrorata con ottimo e abbondante olio extravergine d’oliva e foglie di basilico spezzettate.

Come spesso è accaduto  con i piatti semplici, poveri e di  recupero,  anche la pappa al pomodoro ha  subito delle piccole varianti applicate da ogni famiglia, in base ai gusti personali, come per esempio, l’aggiunta di un soffritto di cipolle o porri  oppure di cipolle, carote e sedano.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • pane toscano raffermo 300 gr
  • brodo vegetale 1 lt
  • 1 mazzetto di basilico
  • pepe macinato q.b
  • olio extravergine di oliva q.b
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • sale q.b
  • 800 gr di pomodori

PREPARAZIONE

Tagliate il pane toscano in fette sottili , quindi tostatele infornandole per qualche minuto (senza sovrapporle) a 200°. Una volta estratte dal forno, lasciatele intiepidire e poi strofinateci sopra gli spicchi di aglio preventivamente sbucciati . Scottate i pomodori in acqua bollente per 1 minuto, quindi scolateli e spellateli con l’aiuto di un coltellino. Passate i pomodori al setaccio e raccogliete la passata in un contenitore. Disponete le fette di pane in un tegame di coccio o antiaderente, quindi versatevi sopra la passata di pomodoro e abbondante brodo vegetale , tanto da ricoprirle; salate, pepate, unite un cucchiaino di zucchero e cuocete a fuoco basso per 40-50 minuti, per fare evaporare il liquido.

Mescolate di tanto in tanto per ridurre il pane in pappa. A cottura avvenuta, aggiustate eventualmente di sale quindi spegnete il fuoco e unite le foglie di basilico spezzettate. Versate la pappa col pomodoro in piatti fondi o ciotole individuali e irrorate con abbondante olio extravergine di oliva. A piacere potete aggiungere del peperoncino in polvere o altro pepe macinato fresco.

Una volta spellati i pomodori,  potete optare per eliminare i semi interni e tritarli con un coltello invece di passarli al setaccio.
Se vi piace, oltre che con foglie di basilico spezzettate, potete cospargere la pappa al pomodoro con qualche ago di rosmarino appena prima di servirla.

Fonte : Giallo Zafferano

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi