I dolori allo stomaco possono essere un sintomo di infarto?

È la più frequente tra le patologie cardiache e solitamente siamo in grado di riconoscerla attraverso alcuni sintomi ormai canonici: fiato corto, dolore intenso al petto e nella zona intercostale, fitte al braccio sinistro e sensazione di svenimento. Solo che non sempre l’infarto si presenta così: nelle donne può essere addirittura asintomatico o presentarsi con della semplice spossatezza o altri . Tra gli altri, è il caso di chiedersi: fitte e dolori allo stomaco possono essere un sintomo di infarto? 

 

Non è di certo uno dei più comuni, ma alcuni studi hanno dimostrato che il mal di stomaco può essere un sintomo laterale di infarto in corso: nei soggetti che non soffrono di disturbi gastrointestinali frequenti, le fitte allo stomaco possono essere un campanello d’allarme. Questo perché i depositi di grasso nelle arterie dovuti al colesterolo riducono il flusso sanguigno verso il cuore provocando oppressione, rigidità e dolore non solo nella zona del petto, ma anche in quella addominale.

Per capire se si tratta di un problema cardiaco serio o di una semplice cattiva digestione dovuta a gastrite, basta fare una prova: se il dolore addominale peggiora con l’esercizio fisico e migliora con il riposo, è probabile che sia infarto, perché in teoria il rilascio di endorfine dovuto all’attività fisica dovrebbe aiutare a far diminuire il dolore.

È molto importante saper distinguere con attenzione i vari dolori di stomaco che possono presentarsi, in modo da muoversi tempestivamente in caso non siano semplici manifestazioni di indigestione.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi