Fibrinogeno alto o basso? Ecco i valori di riferimento e quando preoccuparsi

La coagulazione del sangue dipende dal fibrinogeno, una glicoproteina plasmatica. Ma quali sono i parametri di riferimento? E in quali casi i valori possono dirsi troppo bassi o troppo alti?

Il fibrinogeno

Il fibrinogeno è sintetizzato dal fegato per favorire la coagulazione del sangue. Non lavora ovviamente da sola questa glicoproteina, ma rappresenta il substrato su cui la trombina agisce, favorendo la conversione del fattore I della coagulazione in fibrina. Può sembrare un meccanismo molto complicato, ma è davvero importante cercare di capire il ruolo di questo elemento nel nostro corpo.

Dal fibrinogeno dipende la capacità di coagulare del sangue e quindi di arrestare eventuali emorragie o di formare dei coaguli pericolosi per la salute. I parametri considerati normali si devono attesta tra i 150 e 400 mg/dl. Se troppo alti possono portare a malattie cardiovascolari importanti, come la trombosi, l’ictus, ma anche l’infarto, mentre livelli troppo bassi possono invece segnalare problemi al fegato o deficit che potrebbero predisporre gravi emorragie.

Ad aumentarne i valori potrebbero essere anche delle infiammazioni, come l’uso di contraccettivi orali, a seguito di un intervento chirurgico, la presenza di neoplasie, lo stato di post-menopausa e la gravidanza, mentre si posso abbassare a causa di un’intossicazione da fosforo, per un tumore o l’utilizzo di farmaci, come l’eparina.

Per misurarne i valori è sufficiente un esame del sangue. Va fatto dopo un digiuno di almeno 8 ore, durante cui è ammessa l’assunzione di una modica quantità di acqua. Occorre essere in posizione eretta da almeno 30 minuti.

 

Fibrinogeno in gravidanza: i valori di riferimento e cosa fare se è alto o basso

Il fibrinogeno alto o basso in gravidanza cosa indica? E come bisognerebbe agire per ristabilire i normali valori? In primo luogo, va detto che il valore del fibrinogeno – durante la gravidanza – tende a “salire” in maniera fisiologica. Il fibrinogeno è una sostanza che interviene durante il processo di coagulazione del sangue e viene sintetizzato dal fegato. I valori di riferimento di tale sostanza vanno da 200 a 400 mg/dl, ed un eventuale innalzamento o abbassamento di questi valori, può essere collegato a diverse cause.

In linea generale, i livelli del fibrinogeno nel sangue tendono ad alzarsi nel corso di stati infiammatori, a causa delle ustioni, in presenza di linfomi, nelle nefrosi e a causa dell’utilizzo di alcuni contraccettivi; oppure – come dicevo – può aumentare durante il periodo della gravidanza. In questo caso, un innalzamento fisiologico è dunque normale (i livelli “normali” sono di circa 700 mg/dl), ma i suoi valori vanno comunque tenuti sotto controllo durante il periodo della gestazione.

Nel caso in cui il livello di fibrinogeno dovesse risultare ancor più alto del normale però, andrebbe consultato il medico specialista, che vi prescriverà ulteriori analisi specifiche e saprà identificare i rimedi più indicati per riportare i valori alla normalità.

Stesso discorso va fatto per una diminuzione della concentrazione di fibrinogeno in gravidanza. Un abbassamento di tale valore potrebbe essere attribuito patologie epatiche oppure a difetti congeniti nella sua sintesi, a un eccessivo consumo o ancora ad una coagulazione intravascolare disseminata.

In ogni caso, sarà il vostro medico specialista a rassicurarvi o – eventualmente – a indicare gli esami necessari e le opportune terapie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi