Depressione post partum maschile il test per scoprire se ne soffrite

Il mestiere di genitore è il più difficile del mondo e diventare padre di un bambino può essere particolarmente problematico dal punto di vista emotivo. È stressante e i conflitti con il tuo partner che insorgono dopo poche notti insonni possono rendere le cose più difficili. Ma la depressione post partum è diversa. È una condizione clinica e colpisce anche i papà, non solo le mamme.

La Depressione postnatale paterna, abbreviata in inglese PPND, è una condizione comune che si verifica tra gli uomini dopo la nascita di un bambino. Fino a 1 su 4 nuovi padri ne soffrono. Depressione, ansia, attacchi di panico o altri problemi che hanno a che fare con l’umore possono verificarsi in qualsiasi momento durante il primo anno di vita del bambino.

Insomma è una condizione molto seria, ma curabile. Se non trattata, tuttavia, la PPND può comportare conseguenze dannose a lungo termine per voi, il vostro bambino e la tua famiglia.

Come ci si arriva a sperimentare la depressione post partum maschile? Ecco alcuni sintomi:

  • mancanza di sonno
  • cambiamenti ormonali
  • predisposizione alla depressione ereditaria
  • cattiva relazione con il coniuge
  • scarsa relazione con uno o entrambi i genitori
  • rapporto stressante con un partner o con parenti acquisiti
  • mancanza di supporto da parte di amici e parenti
  • Problemi economici o risorse limitate
  • Un senso di esclusione dalla connessione tra madre e bambino

Valutazione della depressione

c’è un test valutativo che fa riferimento ad una “scala” , è l’ Edinburgh Postnatal Depression Scale – o EPDS. È la valutazione più utilizzata per la depressione e l’ansia postpartum. È stato testato e trovato efficace con gli uomini.

Ti consigliamo di stampare questa pagina e di raggruppare le tue risposte. Si prega di cerchiare il numero della risposta che più si avvicina a come ci si sente negli ultimi tempi, non solo come ti senti oggi.

1. Nella scorsa settimana ho potuto ridere e vedere il lato divertente delle cose:

0. Per quanto ho sempre potuto
1. Non molto adesso
2. Sicuramente non così tanto ora
3. Niente affatto

2. Nella scorsa settimana ho guardato con gioia alle cose:

0. Come ho sempre fatto.
1. Meno di quanto ero abituato a fare abitualmente
2. Decisamente meno di quanto ero abituato a fare prima di divenire padre.
3. Quasi per niente

3. Nella scorsa settimana mi sono dato la colpa quando le cose sono andate male:

3. Sì, la maggior parte delle volte
2. Sì, alcune volte
1. Non molto spesso
0. No, mai

4. Nell’ultima settimana sono stato ansioso o preoccupato per nessuna buona ragione:

0. No, per niente
1. Quasi mai
2. Sì, a volte
3. Sì, molto spesso

5. Nell’ultima settimana mi sono sentito spaventato o in preda al panico per nessuna buona ragione:

3. Sì, molto
2. Sì, a volte
1. No, non molto
0. No, per niente

6. La scorsa settimana le cose mi hanno “sopraffatto”:

3. Sì, la maggior parte delle volte non sono stato in grado di farcela
2. Sì, a volte non ho affrontato le problematiche con la solita verve.
1. No, il più delle volte mi sono adattato abbastanza bene
0. No, Ho fatto fronte come sempre

7. La settimana scorsa sono stato così infelice che ho difficoltà a dormire:

3. Sì, la maggior parte delle volte
2. Sì, a volte
1. Non molto spesso
0. No, per niente

8. Nell’ultima settimana mi sono sentito triste :

3. Sì, la maggior parte delle volte
2. Sì, abbastanza spesso
1. Non molto spesso
0. No, per niente

9. La scorsa settimana sono stato così infelice che ho pianto:

3. Sì, la maggior parte delle volte
2. Sì, abbastanza spesso
1. Solo occasionalmente
0. No, mai

10. Nella scorsa settimana mi è venuto in mente il pensiero di farmi del male:

3. Sì, abbastanza spesso
2. A volte
1. Quasi mai
0. Mai

Come completare la tua valutazione
Dopo aver risposto a ciascuna delle 10 domande, aggiungi insieme i numeri di ciascuna delle tue risposte.

Se il numero totale è compreso tra 5 e 8, è probabile che tu abbia un disturbo d’ansia. Se il numero totale è compreso tra 9 e 10 o più, è probabile che tu soffra di depressione.

Se il numero totale è di cinque o più, è raccomandata un’ulteriore valutazione da parte di uno psicologo. Se un numero diverso da “0” è cerchiato per la domanda 10, è necessario contattare immediatamente il proprio medico o chiedere un supporto psicologico.

L’EPDS è uno strumento di valutazione e non dovrebbe prendere il posto del giudizio clinico. Una valutazione clinica completa da parte di un professionista della salute mentale autorizzato dovrebbe confermare i risultati.