Curare l'orzaiolo con i migliori rimedi naturali

Curare l'orzaiolo con i migliori rimedi naturali

Benessereblog.it

rimedi naturali orzaiolo

L’orzaiolo è un problema tanto comune quanto fastidioso: l’infezione che causa l’infiammazione di una delle ghiandole sebacee localizzate sulla palpebra non è pericolosa, ma è spesso associata ad un dolore anche intenso e ad un’irritante sensazione di corpo estraneo nell’occhio. In genere per liberarsi di questi fastidi occorre aspettare che l’orzaiolo se ne vada spontaneamente, a meno che le sue dimensioni siano preoccupanti o se si trasforma in un ascesso. In questi casi il medico potrebbe prescrivere un antibiotico.

Opportuni accorgimenti nello stile di vita e qualche rimedio naturale possono, però, aiutare la guarigione ed evitare che questa innocua infezione si trasformi in un problema più serio.

Gli impacchi

I fastidi scatenati dalla presenza dell’orzaiolo possono essere alleviati con degli impacchi caldi. E’ sufficiente tamponare l’occhio infettato con una asciugamano caldo (ma non bollente) per 5 minuti: il calore stimola in drenaggio del pus e aumenta il flusso di sangue a livello dell’area interessata, aiutandola a combattere i batteri responsabili dell’infezione. L’operazione deve essere ripetuta 3-4 volte al giorno.

Gli impacchi possono essere effettuati anche con del , contenente acido tannico dalle proprietà benefiche. Va benissimo quello in bustine: basta inumidirle con acqua molto calda e lasciarle sull’occhio per qualche minuto. In alternativa sono utili anche impacchi di camomilla (da usare tutte le volte che si vuole un po’ di sollievo), di un decotto di foglie di acacia (da preparare con bollendo una manciata di foglie in due tazze d’acqua), di un infuso di eufrasia (una manciata di Euphrasia officinalis essiccata in una scodella d’acqua bollente) o di olio di ricino.

Anche l’idraste (Hydrastis canadensis) contiene sostanze utili. Il suo estratto, dalle azioni antibiotiche, antinfiammatorie e astringenti, può essere utilizzato come un collirio da utilizzare più volte al giorno o diluito nell’acqua con cui si lavano gli occhi. Le proprietà astringenti della patata possono, invece, essere sfruttate applicandone direttamente sull’orzaiolo una piccola quantità grattugiata e avvolta in una garza.

Gli impacchi dovrebbero essere continuati anche per qualche giorno dopo che l’orzaiolo ha eliminato tutto il pus. L’importante è non cercare mai di schiacciarlo prima che scoppi da solo e lavarsi bene le mani sia prima, sia dopo essersi toccati gli occhi.

Curare l’orzaiolo con le erbe

L’orzaiolo può, però, essere curato anche agendo dall’interno dell’organismo. In generale, seguire una dieta più sana può essere d’aiuto perché rinforza il sistema immunitario che, se depresso, può favorire l’insorgenza di questo problema agli occhi.

Bere infusi di tarassaco sembra essere utile per aiutare l’organismo ad eliminare i batteri responsabili dell’infezione.

Chi, invece, è soggetto ad avere orzaioli può cercare di prevenirne l’insorgenza bevendo prima di ogni pasto e prima di andare a dormire un cucchiaio da tavola di tè di semi di cardo.

Via | LiveStrong; Ygoy
Foto | da Flickr di SuperFantastic

Curare l’orzaiolo con i migliori rimedi naturali é stato pubblicato su Benessereblog.it alle 14:30 di sabato 06 aprile 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Curare l'orzaiolo con i migliori rimedi naturali

Argomenti trattati: 22576 | Benessere anima e corpo. Good Living. Erboristeria. Medicina
Altre informazioni inerenti Curare l'orzaiolo con i migliori rimedi naturali:

si.sol.
http://feeds.blogo.it/benessereblog/it
Benessereblog.it
Salute e benessere: alimentazione, dieta e bellezza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi