Bruxismo: i rimedi più efficaci

Il bruxismo rappresenta una contrazione involontaria dei muscoli del viso che vengono normalmente adoperati per la masticazione.

Si tratta di una condizione che comporta il digrignamento involontario dei denti, i quali si trovano così a sfregare tra due arcate causando un restringimento delle mascelle.

Parliamo di una situazione molto fastidiosa e che si verifica specialmente durante le ore del sonno, spesso correlata a dolori mandibolari e a emicrania, capace di generare dolori anche importanti ai denti.

La buona notizia è che è possibile adottare delle cure efficaci: in questo articolo vi portiamo a scoprire tutti i nuovi rimedi per il bruxismo, un disturbo molto più diffuso in Italia di quanto non si possa pensare e che influisce non poco sulla qualità della vita.

Bruxismo: quanti ne soffrono e quali sono le conseguenze

Sapete quanti soffrono di bruxismo in Italia? Circa il 10% della popolazione, in maniera equamente distribuita tra uomini e donne, per un totale di circa 15 milioni di individui.

È una patologia da non sottovalutare e da monitorare nel tempo. La ragione sta nel fatto che tende a usurare i denti, portando a interventi odontoiatrici spesso invasivi nonché all’insorgere di altri disturbi che possono avere una gravità lieve ma anche piuttosto considerevole.

Entrando più nel dettaglio, tra le conseguenze più spiacevoli segnaliamo disturbi del sonno, tensione dei muscoli, dolori alle articolazioni, corrosione progressiva dello smalto dei denti, fratture dentali, disturbi dell’apparato uditivo, comparsa di cefalee e vertigini, dolori alla colonna cervicale e dorsale.

Quali sono i fattori che espongono maggiormente all’insorgere del bruxismo? Ce ne sono diversi: dalla familiarità, a problematiche di malocclusione, alla presenza di problematiche legate al sonno come il semplice russamento.

Lo stress gioca un ruolo fondamentale, rivelandosi la causa principale tanto negli adulti che nei bambini e nei ragazzi, così come situazioni quali ansia e depressione, nonché la presenza di stati allergici piuttosto importanti.

Altri elementi che tendono a influire sulla sua comparsa sono la parassitosi intestinale, la presenza di alterazioni legate al sistema endocrino o a quello nervoso, irritazioni di denti o gengive nonché alterazioni del ritmo cardiaco e ipertensione.

Bruxismo: i rimedi più efficaci

Il bruxismo è una condizione da prevenire il più possibile, agendo in primo luogo sullo stress che, come abbiamo avuto modo di vedere, è la causa principale.

L’ideale sarebbe andare alle radici delle preoccupazioni e delle condizioni che generano ansia, qualcosa tutt’altro che semplice visto il condizionamento importante a cui le persone si trovano soggette nell’epoca odierna: un fattore che incide per tutte le fasce d’età.

Uno stile di vita più sano e rilassato è l’aspetto che più di ogni altro si rivela proficuo, soprattutto nei periodi che presentano maggiori criticità. Vediamo più nel dettaglio a quali aspetti prestare attenzione.

Sport e terme

Per contrastare il bruxismo e lo stress che solitamente ne sta alla base si rivela decisamente proficuo praticare regolarmente dell’attività fisica, scegliendo quella che più risulta in linea con le proprie caratteristiche e il tempo che si ha a disposizione: è essenziale comunque ritagliarsi dello spazio durante la settimana per lo sport.

La ragione sta nel fatto che è un modo per stimolare da un lato le endorfine e dall’altro scaricare le tensioni. Se poi si ha l’occasione di stare in mezzo alla natura, facendo trekking, running o simili, il giovamento è indubbiamente maggiore.

Un’altra abitudine che appare quanto mai valida è quella di recarsi con una certa periodicità presso un centro termale, almeno una o due volte l’anno oppure qualora se ne sentisse il bisogno.

Le acque permettono di rilassare i muscoli, inclusi quelli della cervicale, portando a un diffuso benessere in tutto il corpo, incentivando persino una migliore qualità del sonno.

Alimentazione e lavoro

Per quanto riguarda l’alimentazione, risulta da evitare il consumo eccessivo di alimenti come caffè, cioccolato, liquori e alcool.

Anche il fumo influisce negativamente sulla salute e sulla comparsa del bruxismo, così come l’abitudine a consumare i pasti principali a orari non regolari.

Meglio una dieta varia e bilanciata, ricca di frutta e verdura, volendo da assumere tramite centrifugati e tisane.

Inoltre, durante il lavoro è essenziale fare delle pause, diverse a seconda della mansione: permette di preservare una condizione di maggiore tranquillità.

Bruxismo: tra i rimedi c’è il bite

Le raccomandazioni che abbiamo fornito sono di semplice buon senso, ma tutt’altro che da dare per scontate. In presenza di disturbi correlati al bruxismo, cosa che è molto frequente, diventa essenziale confrontarsi con il proprio medico di fiducia.

Il ruolo del dentista si rivela spesso cruciale e lo specialista può prescrivere per alcuni pazienti l’introduzione del bite: un dispositivo mobile realizzato in resina dura che viene modellato e installato sulle arcate dentali.

Serve per evitare l’usura dei denti e contenere l’azione del bruxismo. Il suo utilizzo è in genere associato a esercizi di rilassamento di tipo muscolare.