Artiglio del diavolo, via le infiammazioni!

Garcinia Gambogia

Artiglio del diavolo, via le infiammazioni!

Viverenews

artigliodeldiavoloL’artiglio del diavolo, nome botanico Harpagophytum procumbens, è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Pedialacee, tipica delle regioni dell’Africa occidentale della quale si utilizzano le radici.

Il nome è dovuto alla forma della radice: essa infatti è caratterizzata da protuberanze a forma di uncino in grado di trafiggere le zampe degli animali che la calpestavano; il dolore intenso provocato dalla lesione faceva agitare l’animale furiosamente tanto da farlo sembrare indemoniato.

La radice è ricchissima di principi attivi dall’azione antinfiammatoria come glucosidi iridoidi.

Le popolazioni africane usano da millenni questa pianta per curare febbri, disturbi digestivi, dolori e infiammazioni, oltre che come pianta tonico – rigenerante.

Le proprietà antinfiammatorie, antipiretiche e antidolorifiche dell’artiglio del diavolo sono state poi dimostrate nel corso dei secoli da diversi studi scientifici: si è visto infatti che i principi attivi contenuti nella radice di questa pianta, sono in grado di agire sulla cascata infiammatoria riducendo il rilascio di fattori pro – infiammatori come i leucotrieni, in questo modo si riducono i tipici segni dell’infiammazione ovvero dolore, rossore e anche gonfiore.

I benefici più evidenti l’artiglio del diavolo li mostra in caso di infiammazioni muscolo – scheletriche come artrosi e lombalgie: uno studio condotto su pazienti affetti da artrosi ha mostrato una riduzione del dolore nel 60% dei pazienti molti dei quali sono poi riusciti a ridurre se non addirittura eliminare l’uso degli antinfiammatori di sintesi che abitualmente utilizzavano. L’artiglio del diavolo oltre all’azione antiflogistica, manifesta anche proprietà nel migliorare la mobilità articolare e ridurre la rigidità muscolare, sintomi tipici di questo tipo di patologie.

L’artiglio del diavolo può essere acquistato in erboristeria: è possibile trovarlo in erba taglio tisana (anche se l’infuso è particolarmente amaro), estratto idroalcolico e capsule. Oltre che singolarmente, l’artiglio del diavolo può essere trovato in miscele con altre piante dall’azione simile e coadiuvanti come boswellia ed equiseto.

E’ una pianta particolarmente sicura se utilizzata alle dose consigliata, va evitata però in caso di ulcera gastrica e duodenale, e va comunque assunta a stomaco pieno.

I soggetti affetti da calcolosi renale o che fanno utilizzo di farmaci anticoagulanti, ipotensivi e ipoglicemizzanti devono rivolgersi al proprio medico di fiducia prima di utilizzare l’artiglio del diavolo.

L’uso in gravidanza, allattamento e pediatria va evitato.

Patrizia Lamberti

Related posts

  • Avocado, frutto prodigioso
  • Oli essenziali:cosa sono e come utilizzarli
  • Marzo e i suoi sapori
  • La Fitoterapia nella storia
  • Troppi zuccheri?? Ci pensano le erbe

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Artiglio del diavolo, via le infiammazioni!

Argomenti trattati: 333 | Il Benessere in primo piano: salute, crescita personale, spiritualità. Ambiente, Alimentazione e Rimedi Naturali.
Altre informazioni inerenti Artiglio del diavolo, via le infiammazioni!:

admin

Viverenews
Uno Strumento Per Vivere Bene

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi