Troppi zuccheri?? Ci pensano le erbe

Troppi zuccheri?? Ci pensano le erbe

Viverenews

Nei giorni di festa, si sa, spesso si chiude un occhio e ci si lascia andare a pasti abbondanti e sregolati. Lo strappo alla regola ci sta, l’importante è cercare di non esagerare e rimettersi in carreggiata a partire dal giorno post festivo. Le festività pasquali sono caratterizzate da un consumo elevato di alimenti ad alto indice glicemico: su tutti il cioccolato, ma non dimentichiamo paste ripiene, colombe, dolcetti tradizionali.

Il rischio è quello di far alzare troppo la glicemia e sballare un po’ il nostro metabolismo.

L’indice glicemico infatti altro non è che la velocità con cui aumenta  la glicemia in seguito all’assunzione di 50 grammi di carboidrati: la velocità viene espressa in percentuale prendendo il glucosio come punto di riferimento (la cui velocità sarà quindi del 100%).

L’aumento dell’indice glicemico è inversamente proporzionale alla complessità del carboidrato che si assume: tanto più complessi sono gli zuccheri (per es quelli degli alimenti integrali, ricchi di fibra) tanto minore sarà l’innalzamento dell’indice glicemico, al contrario zuccheri raffinati e semplici (come pasta e pane bianco, dolci, creme, patate…) fanno alzare in maniera decisamente più netta l’indice glicemico.

L’innalzamento dell’indice glicemico viene comunque contrastato efficacemente dal nostro organismo grazie al rilascio di insulina da parte delle cellule del pancreas, la quale è in grado di ridurre il glucosio in circolo e ripristinare le condizioni di normalità. Se però il consumo di pasti ad elevato indice glicemico risulta diventare eccessivo e non più occasionale si creano degli scompensi metabolici che possono portare a disturbi decisamente più gravi e al sovrappeso. Ecco perché è fondamentale controllare la propria dieta, mangiare in maniera sana e bilanciata.

Un maggior consumo di fibre e carboidrati complessi è un valido aiuto in questo senso, ma anche il consumo di proteine e oli vegetali (olio extravergine d’oliva su tutti) che aiuta a ridurre l’innalzamento glicemico (unire i legumi alla pasta, o magari del pesce o un filo d’olio diminuisce l’indice glicemico del pasto).

Altri validi consigli da non sottovalutare sono: fare attività fisica costantemente, mangiare alimenti a basso indice glicemico come yogurt, mele, pesche, legumi (fagioli in particolare), cibi integrali, piselli…evitare bevande zuccherate, alcol, ridurre il consumo di cerali raffinati, dolciumi e frutti ricchi di zucchero come fichi e uva.

Ma anche la natura ci viene incontro, sono infatti diverse le erbe che ci aiutano a contrastare l’innalzamento glicemico e agire sul metabolismo glucidico. Tra le più importanti ricordiamo la noce (Junglans regia, foglie), il mirtillo nero (Vaccinium myrtillus), il Tarassaco (Taraxacum officinalis), il Finocchio (Foeniculum vulgare), il gelso (Morus nigra) e la Galega (Galega officinalis). E’ possibile farsi preparare dal proprio erborista di fiducia una tisana contenente alcune di queste piante attive sul metabolismo glucidico da assumere più volte al giorno.

Patrizia Lamberti

Related posts

  • Avocado, frutto prodigioso
  • La cucina cromatica
  • Bloccare la fame con la fitoterapia
  • Ipertensione, un aiuto dalle erbe
  • Marzo e i suoi sapori

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Troppi zuccheri?? Ci pensano le erbe

Argomenti trattati: 333 | Il Benessere in primo piano: salute, crescita personale, spiritualità. Ambiente, Alimentazione e Rimedi Naturali.
Altre informazioni inerenti Troppi zuccheri?? Ci pensano le erbe:

admin
https://www.viverenews.it/?feed=rss2
Viverenews
Uno Strumento Per Vivere Bene