Porri: proprietà e benefici

l porro, nome scientifico Allium porrum, è una pianta a carattere biennale appartenente alla famiglia delle Liliaceae; il porro è un ortaggio la cui coltivazione è diffusa in gran parte del mondo ( Asia, Europa e America ). In Italia i porri sono coltivati in tutte le regioni e, anche se ormai è possibile trovarli sul mercato tutto l’anno, il periodo giusto per consumarli dovrebbe essere quello autunnale/invernale. Del porro la parte che normalmente si mangia è quella bianca finale mentre, quella verde viene normalmente scartata. Le proprietà terapeutiche dei porri erano note già dai tempi antichi ad egizi e romani; quest’ultimi ritenevano che i porri avevano proprietà benefiche nei confronti della gola e del sonno. I porri, in termine di gusto, hanno qualcosa in comune con aglio e cipolla, ma il loro sapore è più delicato per cui spesso, in molte ricette si preferiscono i porri al posto di aglio e cipolle. I porri sono composti dall’ 87,8% da acqua, contengono proteine, carboidrati zuccheri solubili e minerali ( ferro, calcio e fosforo ). Nei porri è presente la vitamina B1 ( tiamina ), B2 ( riboflavina ), B3 o vitamina PP ( niacina ) e vitamina C. Per conservare invariate le proprietà ed i benefici delle sostanze contenute i porri andrebbero consumati crudi anche se purtroppo molte delle ricette che li contengono ne prevedono la cottura. I porri sono innanzitutto un alimento poco calorico per cui rappresentano un cibo adatto per tutte quelle persone che non vogliono ingrassare oppure che vogliono dimagrire. I porri hanno proprietà diuretiche e leggermente lassative, la loro assunzione viene consigliata in caso di problemi alle vie urinarie, stipsi, obesità, emorroidi, reumatismi ed artrite. I porri contengono fibre alimentari per cui un consumo equilibrato contribuisce alla pulizia dell’intestino; i porri hanno anche altre proprietà come quella di mantenere elastica la pelle del corpo, contribuire ad abbassare il livello di colesterolo ( cattivo ) nel sangue e rafforzare il sistema immunitario. Una proprietà dei porri che era conosciuta già dagli antichi romani ( il poeta Marziale ne decantava le lodi ) e che si è mantenuta viva fino ad oggi è quella afrodisiaca. In ultimo i porri hanno proprietà carminative, ovvero riducono la formazione di gas intestinali, antisettiche a livello di apparato digerente e apportano benefici all’apparato respiratorio. Come abbiamo già scritto, dei porri, per uso alimentare, si utilizza la parte bianca finale, quella verde invece può essere invece utilizzata per la preparazione di salse, zuppe ed anche sformati. Il porro può essere utilizzato come sostituto della cipolla in tutti quei piatti che ne prevedono l’uso con il risultato di ottenere un aroma più delicato; per questo motivo i porri si possono utilizzare per la preparazione di piatti delicati e raffinati. I suoi utilizzi in cucina sono davvero tanti: dalla preparazione di insalate al pinzimonio, dal condimento della pasta all’aromatizzazione di carne e pesce fino all’utilizzo per il soffritto. Ogni 100 grammi di porri si ha una resa calorica pari a 29 kcalorie.
Feed dell’ alimentazione di Mist. Loto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi