Ricette facili con le carrube

Ricette facili con le carrube

Ricette facili con le carrube
Il carrubo, ovvero l’albero delle carrube, è una pianta che sorge spontanea nelle regioni del bacino del Mediterraneo. Al giorno d’oggi i carrubi vengono coltivati per l’industria alimentare, dai frutti si ricavano succedanei del cacao, farine, addensanti e gelificanti utilizzati nell’industria dolciaria, preparati per tisane e …

via EcoWiki:

|Ricette facili con le carrube - BioNotizie.com

Ricette facili con le carrube

CarrubiIl carrubo, ovvero l’albero delle carrube, è una pianta che sorge spontanea nelle regioni del bacino del Mediterraneo.

Al giorno d’oggi i carrubi vengono coltivati per l’industria alimentare, dai frutti si ricavano succedanei del cacao, farine, addensanti e gelificanti utilizzati nell’industria dolciaria, preparati per tisane e decotti utilizzati in fitoterapia. Le carrube erano anticamente utilizzate come alimentazione anche per il bestiame, inoltre a causa del loro elevato contenuto in zuccheri aiutavano la fermentazione dell’alcool e rappresentavano una vera prelibatezza per i bimbi di campagna.

La farina delle carrube non contiene colesterolo ed è ricca in calcio, ferro, vitamine del gruppo B, vitamina A, potassio e magnesio. Dell’albero e dei suoi frutti si parla nella Bibbia, San Giovanni battista nei suoi ritiri ascetici si nutriva di carrube chiamate per questo anche Pane di San Giovanni.

Forse non tutti sanno che il concetto di carato e la sua definizione nascono dai semi durissimi di questo albero, il loro nome in arabo ”qirat” o “karat” (carato) ha dato vita alla nota unità di misura, poiché si riteneva che oltre ad essere durissimi i semi avessero un peso costante di un quinto di grammo, in realtà la variazione di peso dei semi è del 25%.

Ora che sappiamo quasi tutto dell’albero e dei suoi frutti cosa ne facciamo?

E’ semplice: dai semi si può ricavare, anche a casa con un ottimo robot da cucina, la farina che possiamo utilizzare per mille ricette, dalle classiche come pane e pasta fresca, gnocchi e ravioli, per fare il gelato e la granita e per tutte le ricette vegan di nuova generazione, dai brownies ai frollini.

Ad esempio per delle tagliatelle esotiche basta sostituire un quarto della dose di farina doppio zero con la farina di carrube e avremo tagliatelle dal colore marrone e dal sapore particolare e rustico. Anche nella preparazione dei dolci, ad esempio i muffin, la porzione è di un quarto di farina di carrube e tre quarti di farina normale e otterremo dei muffin al sapore di cacao, ma senza cacao. E’ possibile anche sostituire interamente la farina normale con la farina di carrube e ottenere impasti dedicati per chi soffre di celiachia.

Possiamo inoltre ricavarne un decotto utilissimo per il mal di gola e per la cura del colon irritabile, oppure sciogliere un cucchiaino di farina di carrube in acqua calda e bere.

Non resta che partire alla ricerca dell’albero di carrube più vicino!

Prosegui la lettura su: Ricette facili con le carrube

EcoWiki

Ricette facili con le carrube

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi