Proprietà ed Usi del Tarassaco o Dente di Leone

Proprietà ed Usi del Tarassaco o Dente di Leone

Proprietà ed Usi del Tarassaco o Dente di Leone
Il tarassaco è una pianta appartenente alla famiglia delle asteraceae ed è comunemente chiamato dente di leone o soffione. Il tarassaco comune, pianta spontanea a carattere infestante, nella nostra penisola cresce ovunque, fino ad un’altitudine di 2000 m. La troviamo nei prati, nei giardini e perfino sul ciglio delle strade. …

via Lecobottega Blog, Idee e consigli per una vita più #Green:

|Proprietà ed Usi del Tarassaco o Dente di Leone - BioNotizie.com

Proprietà ed Usi del Tarassaco o Dente di Leone

TarassacoIl tarassaco è una pianta appartenente alla famiglia delle asteraceae ed è comunemente chiamato dente di leone o soffione.

Il tarassaco comune, pianta spontanea a carattere infestante, nella nostra penisola cresce ovunque, fino ad un’altitudine di 2000 m. La troviamo nei prati, nei giardini e perfino sul ciglio delle strade.

Chi di noi non ha mai visto il suo caratteristico fiore giallo nei prati o la sua soffice pallina che da piccini ci divertivamo a soffiare in faccia agli amici?

Il tarassaco viene utilizzato sia in cucina che in farmacopea popolare.

Con le sue proprietà depurative e antinfiammatorie, è un ottimo alleato nella cura delle malattie legate al fegato.
La terapia a base di Tarassaco è detta appunto Tarassacoterapia e utilizza foglie e radici della pianta stessa.

Proprietà del tarassaco

La radice del tarassaco possiede proprietà depurative, in quanto stimola la funzionalità biliare, epatica e renale, adibiti alla trasformazione delle tossine, nella forma più adatta alla loro eliminazione (feci, urina, sudore). La pianta ha inoltre proprietà amaro-toniche e digestive.

I l tarassaco è anche una pianta epatoprotettiva, indicata in caso di insufficienza epatica, itterizia e calcoli biliari.
Stimola, inoltre, le secrezioni di tutte le ghiandole dell’apparato gastroenterico (saliva, succhi gastrici, pancreatici, intestinali) e la muscolatura dell’apparato digerente producendo un’azione lassativa secondaria.

Modalità d’uso (in fitoterapia)

  • L’ estratto secco, in capsule o compresse , da somministrarsi 2 volte al giorno lontano dai pasti;
  • La Tintura madre in soluzione idroalcolica o il macerato glicolico (con percentuale di alcool molto inferiore alla prima) 50 gocce in poca acqua tre volte al giorno prima o lontano dai pasti;
  • La comodissima Tisana da assumere mattino e sera;

Consigliamo comunque sempre di chiedere parere all’erborista sulle posologie adattandole ad ogni caso specifico.

Controindicazioni

Il tarassaco è controindicato in caso di gastrite, ulcera e calcolosi biliare, poiché potrebbe esserne sollecitata la motilità. Si sono registrate interazioni con alcuno farmaci come i diuretici. Il Tarassaco può potenziarne l’effetto con conseguenti fenomeni di ipotensione in soggetti predisposti. Può interagire con i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), chi è sottoposto a questo tipo di terapia consulti sempre in ogni caso il proprio medico prima di qualsiasi altra integrazione.

Come usare il tarassaco in cucina

  • E’ ottimo bollito e condito con aceto di mele olio e sale, ma il suo gusto amarognolo fa storcere il naso ai più delicati di palato;
  • Deliziose invece sono le frittate a base di tarassaco di cui vi propongo una ricetta veloce;

Ricetta: Frittata di Tarassaco

Ingredienti:

  • 2 uova;
  • 2 belle manciate di foglie di Tarassaco;
  • 1 una cipolla di media grandezza;
  • formaggio grattugiato;
  • Sale, pepe ed olio extravergine di oliva quanto basta;

Preparazione:

  • Prendete una bella manciata di foglie di tarassaco;
  • Lavarle bene e sbollentarle per una decina di minuti in acqua salata, quindi scolarle e raffreddarle;
  • In una pentola antiaderente fate un soffritto con la cipolla;
  • Appena la cipolla è imbiondita aggiungete la foglie di tarassaco precedentemente bollite e fate insaporire;
  • In una terrina avete sbattuto le uova con il formaggio sale e pepe;
  • A questo punto aggiungete le uova al tarassaco e completate la cottura facendo attenzione nel delicato compito di girare la frittata.

Buon appetito e ricordate, il vostro benessere, va coltivato nell’orto !

Prosegui la lettura su: Proprietà ed Usi del Tarassaco o Dente di Leone

Lecobottega Blog, Idee e consigli per una vita più #Green

Proprietà ed Usi del Tarassaco o Dente di Leone

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi