Torre Guaceto: pronta la denuncia di reato ambientale

amazon basics 2

fonte

Torre Guaceto: pronta la denuncia di reato ambientaleLe scelte di politica infrastrutturale della Regione Puglia appaiono, purtroppo, molto spesso essere poco in linea con i concetti di sostenibilità, di tutela dell’ambiente e delle bellezze naturali che caratterizzano la nostra Regione.

Sullo scarico dei reflui nell’Area Marina protetta di Torre Guaceto si è aperto con il WWF un contenzioso che mina alla base qualsiasi possibilità di mediazione. Ma ripercorriamo le ultime tappe di una lunga vicenda che si protrae da anni. Il 17 dicembre 2012 la prima Sezione del TAR Lecce, con provvedimento monocratico del Dott. Antonio Cavallari, accoglieva la richiesta del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto di emissione di un decreto urgente di sospensione dell’autorizzazione rilasciata dalla Regione Puglia a favore dell’AQP SpA che avrebbe consentito l’avvio dello scarico delle acque reflue urbane dell‘impianto di depurazione del Comune di Carovigno nella Zona A dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto. Ma ecco il colpo di teatro: a seguito della decisione dello stesso Tribunale di Lecce di investire il TAR Puglia della questione, l’Assessore Amati, che dovrebbe prima o poi rendersi conto di esser un rappresentante istituzionale, a mezzo stampa ha prospettato l’idea della possibilità che l’AQP SpA possa attivare l’impianto di trattamento reflui di Carovigno.

Dov’è lo scandalo? Intanto il TAR Lecce ha solo e semplicemente chiesto al Presidente del TAR Puglia di pronunciarsi circa la competenza territoriale fra la sede di Bari e quella salentina. Una circostanza che, a nostro avviso, non implica il via libera allo scarico delle acque reflue. Ma se ciò avvenisse ci preoccupa l’allarmante stato di gestione dei reflui urbani nella Regione Puglia. Basti ricordare che tutto il sistema infrastrutturale di trattamento delle acque reflue urbane della Regione Puglia è gestito dall’AQP SpA – il cui unico socio è la Regione Puglia – e la maggior parte degli impianti o sono sottoposti già a sequestro probatorio/preventivo da parte della magistratura penale – come nel caso degli impianti di Barletta, Trani, Andria e Molfetta – o comunque, scaricano reflui nel sottosuolo in assenza di provvedimenti di autorizzazione efficaci (come dichiarato dalla stessa Regione nel proprio atto di costituzione nel ricorso incardinato presso il TAR Lecce dal Consorzio di Torre Guaceto). L’attivazione dell’impianto di trattamento reflui di Carovigno farebbe concretizzare, nel momento stesso in cui il refluo generato verrebbe sversato nella Zona A dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto, il reato di distruzione o deterioramento di habitat all’interno di un sito protetto, punito dal codice penale, oltre che la violazione delle norme a tutela delle Aree Naturali Protette L. 394/1991.

Il WWF vuole ricordare che il Ministero dell’Ambiente, con Decreto Interministeriale del 04.12.1991 prevede un esplicito divieto nell’Area Marina Protetta di “alterazione, con qualsiasi mezzo, diretta o indiretta, dell’ambiente geofisico e delle caratteristiche chimiche e biologiche delle acque, nonché la discarica di rifiuti solidi o liquidi e in genere l’immissione di qualsiasi sostanza che possa modificare, anche transitoriamente, le caratteristiche dell’ambiente marino, nonché la escavazione e la raccolta di materiali inerti”. “Se si sversassero i reflui – afferma Leonardo Lorusso, Presidente del WWF Puglia – si rischia di compromettere in maniera grave il delicato equilibrio ambientale del tratto di mare interessato ed in particolare del posidonieto, protetto dalle direttive comunitarie, con grave danno della fauna ittica che qui è particolarmente ricca. Si andrebbe a vanificare, altresì, gli sforzi che si stanno compiendo per una gestione integrata di pesca sostenibile”. “Nel caso – aggiunge Antonio de Feo, Consigliere Nazionale del WWF Italia – saremo costretti ad intervenire, denunciando nell’immediatezza i fatti alla Procura della Repubblica di Brindisi, cui sarà chiesto di intervenire con il sequestro immediato e preventivo dell’impianto di trattamento reflui di Carovigno“.

Si prende atto che la Regione Puglia e l’Acquedotto Pugliese stanno procedendo con la progettazione esecutiva degli interventi di manutenzione straordinaria per la rifunzionalizzazione della condotta sottomarina esistente in località Apani, ma dall’analisi degli elaborati risultano mancanti gli elaborati relativi alla valutazione di incidenza dell’entrata in esercizio della condotta sul comparto habitat e in particolare sulle praterie di Posidonia oceanica. Attualmente, oltre alla carenza di documentazione, si percepisce l’assenza di pianificazione dell’utilizzo e del riutilizzo della risorsa idrica: perché non si progetta un impianto di raffinamento delle acque? L’impianto di raffinamento delle acque e di distribuzione irrigua nei campi circostanti deve essere utilizzato nell’intero arco dell’anno e, nel contempo, per ridurre il carico di reflui in acqua. Insomma le soluzioni ci sarebbero, ma gli interlocutori istituzionali non possono continuare ad essere gli attuali, in quanto oramai privi di credibilità: auspichiamo che questo cambio avvenga subito, con un atto da parte di chi deve assumersi tutte le responsabilità del caso.

Alternativa Sostenibile: portale di informazione sullo sviluppo durevole e sostenibile.
Web: www.alternativasostenibile.it

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale
Fonte:
Argomenti trattati: 6727 | Ecologia | Ambiente | Inquinamento | Acqua | Agricoltura | Effetto Serra | Riscaldamento Globale | Biodiversità | Energie Rinnovabili | Fonti Rinnovabili | Eolico | Fotovoltaico | Cementificazione | Biogas | Biomasse | Sviluppo Sostenibile | Rifiuti | Riciclaggio | Sostenibilità | Inceneritore | Termovalorizzatore | Rigassificatore
Altre informazioni inerenti Torre Guaceto: pronta la denuncia di reato ambientale: , , , Alternativa Sostenibile News – FEED RSS, Alternativa Sostenibile: portale di informazione sullo sviluppo durevole e sostenibile…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi