Sviluppo sostenibile e piani di recupero edilizio

amazon basics 2

fonte

I tessuti urbani vengono modificati e sviluppati nel senso della sostenibilità e del contenimento del consumo di territorio. Il piano di recupero rappresenta un importante strumento operativo per realizzare questo tipo di politica urbanistica e di gestione dell’edilizia. Il piano di recupero richiede necessariamente la comunicazione ai proprietari degli immobili coinvolti.

Il piano di recupero rappresenta uno strumento operativo per poter realizzare e governare processi di trasformazione di tessuti urbani consolidati e degradati allo scopo sia di garantire una più equilibrata distribuzione dei servizi e delle infrastrutture sia di migliorare la qualità ambientale e architettonica dello spazio urbano.

Si fonda sui articoli 28 e 30 della del 5 agosto 1978 n. 457: in particolare, il primo prevede che "I piani di recupero prevedono la disciplina per il recupero degli immobili, dei complessi edilizi, degli isolati e delle aree di cui al terzo comma del precedente articolo 27, anche attraverso interventi di ristrutturazione urbanistica, individuando le unità minime di intervento" mentre il secondo "I proprietari di immobili e di aree compresi nelle zone di recupero, rappresentanti, in base all'imponibile catastale, almeno i tre quarti del valore degli immobili interessati, possono presentare proposte di piani di recupero".

Il piano di recupero, anche nell'ottica dell'urbanistica sostenibile, è l punto d'incontro tra esigenze della collettività e la partecipazione democratica dei cittadini interessati.

Possiede finalità attuative e di livello gerarchicamente subordinato e produce obblighi di trasformazione edilizia e urbanistica per i proprietari e per il Comune; infatti, la giurisprudenza ha specificato che il piano di recupero edilizio non ha una natura meramente programmatica e di conseguenza afferisce alla disciplina statale per i piani particolareggiati (Consiglio di Stato sez. IV, 29 dicembre 2010, n. 9537).

Partendo da questi presupposti e cioè la funzione modificativa e l'interessamento dei proprietari degli immobili coinvolti tipici del piano di recupero, secondo la sentenza del TAR Lombardia (MI) Sez. II n. 2730 del 9 novembre 2012,sussiste in capo alla p.a. un obbligo di notifica individuale.
 

Alternativa Sostenibile: portale di informazione sullo sviluppo durevole e sostenibile.
Web: www.alternativasostenibile.it

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale
Fonte:
Argomenti trattati: 6727 | Ecologia | Ambiente | Inquinamento | Acqua | Agricoltura | Effetto Serra | Riscaldamento Globale | Biodiversità | Energie Rinnovabili | Fonti Rinnovabili | Eolico | Fotovoltaico | Cementificazione | Biogas | Biomasse | Sviluppo Sostenibile | Rifiuti | Riciclaggio | Sostenibilità | Inceneritore | Termovalorizzatore | Rigassificatore
Altre informazioni inerenti Sviluppo sostenibile e piani di recupero edilizio: , , , Alternativa Sostenibile News – FEED RSS, Alternativa Sostenibile: portale di informazione sullo sviluppo durevole e sostenibile…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi