Lampade a basso consumo esauste: la raccolta Ecolamp continua a crescere!

Lampade a basso consumo esauste: la raccolta Ecolamp continua a crescere!

fonte

Ottime perfomance in Lombardia, Piemontee Veneto, che ha ospitato Ecolamp durante le settimane del Carnevale veneziano. Grazie alla presenza capillare dei servizi e dei presidi del Consorzio Ecolamp in tutta Italia prosegue un trend di crescita positivo e incoraggiante.

1.639 tonnellate di lampade a basso consumo esauste raccolte in Italia nel 2012: il Consorzio Ecolamp ha presentato il dato dalla raccolta in occasione della conferenza stampa tenutasi ieri a Venezia, presso Palazzo Cà Farsetti, sede del municipio della città. Proprio il capoluogo veneto è stato infatti protagonista delle prima attività educativo-informativa di Ecolamp nel 2013, che ha scelto di partecipare per il quarto anno consecutivo al Carnevale di Venezia, interagendo con cittadini e turisti tramite la simpatica animazione delle mascotte Voltonio e Bidonia. I personaggi hanno diffuso i messaggi per la corretta raccolta delle lampadine a basso consumo, coinvolgendo in modo divertente il pubblico, invitandolo a farsi fotografare con i “paladini del riciclo” e postare la foto su Facebook (https://www.facebook.com/Ecolamp) e Twitter (https://twitter.com/Ecolamp_it).La conferenza, oltre che per ringraziare la città di Venezia per la calorosa accoglienza, è stata organizzata per fare un bilancio e una riflessionesull’anno appena concluso. Il 2012, nonostante il calo generale del comparto RAEE, ha registrato per Ecolamp un incremento del 12 per centoa livello nazionale, conteggiando1.639 tonnellate di sorgenti luminose raccolte, contro le 1.468 del 2011.

 Appaiono però evidenti le disparità di raccolta a seconda del target di riferimento: aumenta del 19 per cento la raccolta di sorgenti luminose presso il pubblico professionale, ma solo del 4 per cento quella dei cittadini privati, che hanno consegnato 592 tonnellate di materiale esausto (36per cento del totale) presso le 1.840 Isole Ecologiche presidiate dal Consorzio. Crescela consapevolezza e l’attenzione da parte degli installatori e dei professionisti del settore illuminotecnico (il 64 per cento della raccolta totale, pari a circa 1.047 tonnellate)grazie all’impegno di Ecolamp, che anno dopo anno mette a disposizione servizisempre più efficienti e capillari, dedicati alla raccolta gratuita e volontaria. Extralamp, il servizio di ritiro gratuito a domicilio per quantitativi superiori a 100 kg, ha permesso il recupero di 542 tonnellate di lampadine a basso consumo, mentre ne sono state consegnate 440 tonnellate presso i 35 Collection Point nazionali. Introdotto nel corso del 2012, il nuovo canale dei Grandi Centri, 50 punti autorizzati al ritiro e allo stoccaggio di sorgenti luminose convenzionati con Ecolamp, ha consentito il conferimento di oltre 65 tonnellate.

La quantità di lampade a basso consumo esaustemandate a trattamento da Ecolamp ha permesso di ricavare1.383 tonnellate di vetro, 132 tonnellate di metalli e 20 di plastiche, materiali che verranno reimpiegati e utilizzati in diverse produzioni. Il trattamento ha consentito inoltre di recuperare oltre 86 tonnellate di polveri fluorescentie mercurio, presente in minima quantità all’interno della singola lampadina, ma con effetti nocivi per la salute e l’ambiente in caso di dispersione. “Un buon risultato nazionale raggiunto nel 2012,trainato dalle eccellenti performance ottenute da Lombardia, Veneto e Piemonte, che rappresentano da sole il 57 per cento del risultato nazionale – dichiara Fabrizio D’Amico, Direttore Generale del Consorzio Ecolamp-I dati ci confermano un incremento più contenutodel segmento consumer rispetto alla raccolta del comparto professionale. Una disparità che un maggioreimpegno informativoda parte delle istituzioni e l’effettiva applicazione del decreto uno contro uno da parte della distribuzione potrebberoaiutare a ridurre notevolmente.¬- prosegue D’Amico -Grazie all’impegno delle realtà consortili la raccolta delle lampadine continua a registrare un segno positivo, anche se una parte consistente della raccolta Ecolamp, quella derivante dai servizi volontari di recupero,non trova ancora riconoscimento ufficiale dal Centro di Coordinamento RAEE. Ci auguriamo quindi che questo avvenga presto, a beneficio del dato complessivo di performance del Paese. – conclude il Direttore Generale di Ecolamp – L’obiettivo del Consorzio per il 2013 è quello di accrescere la consapevolezza dei cittadini e contribuire all’offerta diopportunità di conferimento sempre più prossimi e agevoli, parallelamente punteremo molto al settore professionale, dedicando ancora più attenzione e mezzi per facilitare la conoscenza e l’accesso ai nostri servizi”.

Alternativa Sostenibile: portale di informazione sullo sviluppo durevole e sostenibile.
Web: www.alternativasostenibile.it

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale
Fonte:
Argomenti trattati: 6727 | Ecologia | Ambiente | Inquinamento | Acqua | Agricoltura | Effetto Serra | Riscaldamento Globale | Biodiversità | Energie Rinnovabili | Fonti Rinnovabili | Eolico | Fotovoltaico | Cementificazione | Biogas | Biomasse | Sviluppo Sostenibile | Rifiuti | Riciclaggio | Sostenibilità | Inceneritore | Termovalorizzatore | Rigassificatore
Altre informazioni inerenti Lampade a basso consumo esauste: la raccolta Ecolamp continua a crescere!: , , , Alternativa Sostenibile News – FEED RSS, Alternativa Sostenibile: portale di informazione sullo sviluppo durevole e sostenibile…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi