Il caffè in capsule è sano e sicuro: ecco la conferma

Nel nostro Paese, 8 persone su 10 al mattino hanno l’abitudine di consumare il caffé: un rituale che sembra resistere al trascorrere del tempo e alla comparsa di nuove consuetudini indotte da tecnologie inedite. Gli ultimi rilevamenti sul tema permettono di scoprire che il 58% degli italiani consuma due tazzine al giorno, e quasi il 40% supera le 3 tazzine. Si tratta di numeri che mettono in risalto il valore del caffè non solo in ambito culinario, ma anche dal punto di vista sociale. L’espresso bevuto al termine del pasto o al bar è anche e soprattutto un momento di convivialità, come dimostrato dai coffee break sui posti di lavoro, anche se a mutare rispetto al passato sono le modalità di consumo. 

Il caffè del cambiamento

A questo proposito, più di 4 italiani su 10 hanno deciso di abbandonare la moka tradizionale per passare alle più nuove macchinette per espresso, che si basano su ricariche monodose e che possono contare su una maggiore velocità e su una migliore praticità. Nel corso degli ultimi tempi, tuttavia, attorno alle capsule si sono diffuse dicerie che ne hanno messo in dubbio la sicurezza e la salubrità, con le perplessità che si sono concentrate sulla loro composizione. C’è chi ha ipotizzato, infatti, che parti di alluminio, di plastica o di altri contaminanti di processo possano finire nel liquido che beviamo. Altri interrogativi hanno riguardato, invece, la presenza di micotossine e pesticidi.

La ricerca del Salvagente

Uno studio condotto dal Salvagente, per fortuna, ha consentito di fare un po’ di chiarezza sull’argomento e di riportare ordine. La ricerca ha visto il coinvolgimento di tre diversi laboratori, grazie a cui sono stati effettuati test obiettivi che hanno riguardato gli espressi intensi: quelli, cioè, che di solito hanno un corpo più forte e si caratterizzano per una tostatura alquanto marcata. Ebbene, in nessuno di questi prodotti sono state riscontrate sostanze pericolose.

I nemici della salute

Le preoccupazioni si concentravano, in particolare, sulla possibile presenza di acrilammide, un derivato della tostatura dei chicchi che secondo l’Efsa è in grado di aumentare le probabilità di ammalarsi di cancro: questa sostanza chimica genotossica, infatti, si sviluppa là dove ci sono temperature di cottura elevate, e quindi era legittimo domandarsi se ciò avvenisse anche con la torrefazione del caffè. Ma non c’era solo l’acrilammide nella lista dei sospettati, perché un altro potenziale nemico è stato individuato nei furani, che a loro volta sono il risultato delle operazioni di riscaldamento degli alimenti e che possono avere effetti pericolosi nei confronti del fegato.

Il caffè per la moka e quello in capsule

Ma per quali motivi gli stessi dubbi non ci sono stati per il caffè realizzato con la moka? Il motivo è presto detto: sia l’acrilammide che i furani sono sostanze estremamente volatili, il che vuol dire che la loro presenza sparisce con il caffè tradizionale. Ciò non può avvenire, invece, con le ricariche monodose: o, almeno, questo era il dubbio di chi avanzava perplessità su questo sistema. 

I risultati dello studio

Il Salvagente ha selezionato 11 campioni sulla base del parametro di reperibilità, e quindi individuando i brand più diffusi nei supermercati e nei negozi specializzati. Tutti sono stati sottoposti alla ricerca che, come si è detto, ha dato risultati confortanti. In nessun caso, infatti, le capsule hanno rilasciato bisfenolo, ftalati o altre molecole tossiche, e inoltre nelle polveri che sono state analizzate non sono stati trovati residui di pesticidi. Per quel che riguarda la presenza di furani e acrilammide, essa è decisamente al di sotto dei valori ritenuti accettabili. Insomma, si può continuare ad acquistare il caffè in capsule, come quelle di caffitaly, senza temere per la propria salut e.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi