a che punto siamo in Italia?

amazon basics

L'attenzione nei confronti dell'inquinamento provocato dalle automobili si fa sempre più forte anche a livello nazionale, in considerazione del fatto che è riconosciuto che lo smog provocato dal traffico è una delle più significative fonti di inquinamento cittadino. Il fatto stesso che sono molti i sindaci costretti a impedire la circolazione nei giorni in cui si superano i livelli di Pm10, dimostra come siamo quotidianamente esposti all'inquinamento.

Ma qual è la situazione attuale riguardo la sperimentazione di carburanti alternativi che possano ridurre l'impatto ambientale ma anche far risparmiare preziose risorse energetiche di origine fossile?

Con Autronica Autofficina e carrozzeria Tavagnacco (Udine) facciamo qualche importante riflessione sulle auto ecologiche e su come esse siano diffuse in Italia.

Le auto ecologiche sono quelle alimentate con metano, gpl, a propulsione elettrica o a idrogeno. Nell'anno in corso (2016) si è registrato nel nostro paese un aumento delle immatricolazioni di automobili (definite con l'acronimo AFV ovvero Alternative Fuel Vehicles) pari al 10,7%. Un dato importante soprattutto se confrontato con altri paesi dell'Unione Europea – Regno Unito, Francia, Norvegia – rispetto ai quali l'Italia è al primo posto per numero di immatricolazioni.

Non possiamo ancora parlare di svolta ecologica riguardo al mercato delle autovetture, ma l'aumentata sensibilità riguardo i problemi ambientali ha reso possibile una maggiore circolazione di  auto a GPL in Italia, mentre per le auto ibrido – elettriche ci attestiamo al terzo posto dopo Regno Unito e Francia. Il mercato delle auto elettriche, invece, stenta a decollare probabilmente per le oggettive difficoltà che gli automobilisti possono quotidianamente riscontrare riguardo la scarsa diffusione delle colonnine di approvvigionamento. Questo è quanto emerso nell'ambito della fiera Alternative Fuels Conferences&Word Fair, evento di risonanza internazionale che ha ospitato oltre 40 aziende che operano nella  produzione di carburanti alternativi, occasione per diffondere una nuova cultura dell'automobile e di un moderno modo di muoversi, ecologico e sostenibile.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi