Vitamina D3 e difese immunitarie: perchè èimportante non farsela mancare mai!

Sempre più studi scientifici confermano il ruolo straordinario della Vitamina D3.

Da sempre conosciuta come indispensabile alleata della salute delle nostre ossa in ogni fase della nostra vita, oggi la Vitamina D3 viene riconosciuta anche per altre importantissime proprietà. Svolge infatti anche un’attività di protezione del sistema cardio-circolatorio e nervoso e di sostegno al sistema immunitario1. Già nel 2015, l’EFSA (European Food Safety Authority) ha riconosciuto che “la vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario”. 2

Perché la Vitamina D3 fa bene al nostro sistema immunitario?

La vitamina D3 contribuisce in modo fondamentale al buon funzionamento del sistema immunitario per le sue proprietà immuno-modulanti e perché è in grado di sostenere l’attivazione delle cellule immunitarie che ci proteggono contro gli attacchi dei patogeni.

La vitamina D in forma attiva stimola i macrofagi (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31506976/), i monociti e altre cellule del sistema immunitario innato – il corredo di difesa che abbiamo dalla nascita – a produrre dei peptidi (piccole proteine) come ad esempio le defensine che attaccano i batteri nocivi. Non solo. La Vitamina D stimola anche la capacità di spostamento di queste cellule di difesa verso i siti di attacco (chemiotassi).

Sulle cellule del sistema immunitario acquisito – le difese che il nostro organismo sviluppa con il tempo producendo anticorpi – la vitamina D3 sembra avere un effetto di regolazione dell’infiammazione che viene così attivata solo quando serve e con l’intensità necessaria per debellare il nemico, senza eccessi che potrebbero causare degli scompensi.  In particolare, la vitamina D3 è attiva per sostenere l’attività di un gruppo di globuli bianchi molto speciali poiché sono proprio loro che organizzano il contrattacco ai patogeni.3

  1. I Linfociti B, prodotti nel midollo di alcune ossa del nostro corpo, sono responsabili della produzione di anticorpi.
  2. I Linfociti T, che si sviluppano nel timo, sono in grado di distruggere tutti gli intrusi riconosciuti come “non-self”, cioè che non fanno parte del nostro organismo. Dei linfociti T fanno parte anche i T-Helper che scatenano l’infiammazione e i T-killer che, in pratica, fanno tutto “il lavoro sporco”. 5

 

Vitamina D: cosa succede se i livelli ematici sono insufficienti.

La carenza di Vitamina D è collegata a una serie di problematiche di salute. È stato dimostrato che, quando i livelli di questo ormone nel sangue sono al di sotto del livello di guardia, ci si ammala più facilmente e si è più soggetti a infezioni, a problemi cardio-vascolari e nervosi, ma anche a depressione e obesità! 4

Questo perché la gran parte delle cellule del nostro corpo possiede un recettore specifico per la vitamina D (VDR – Vitamin D Receptor) e da questo si può capire quanto estesi siano i suoi benefici in tutto il nostro organismo.

Infatti, la Vitamina D3:

  • contribuisce a regolare le risposte del sistema immunitario e di quello nervoso,
  • regola la proliferazione e la differenziazione cellulare e le difese immunitarie (innate e acquisite),
  • diminuisce lo stress ossidativo,
  • è un anti-age,
  • ha funzioni neuro e cardio-protettive1.

Come posso assicurarmi adeguati livelli di Vitamina D3?

La Vitamina D3 è in realtà un pro-ormone prodotto nei reni. Diversamente da quanto succede per le altre vitamine, grazie all’alimentazione (pesci grassi come salmone, sgombro e aringa, il tuorlo d’uovo e il fegato) riusciamo ad assicurarci solamente il 10% circa della vitamina D necessaria all’organismo4. Come ottenere allora il restante 90%?

 

Il Colesterolo, la pelle e la luce solare: la nostra fabbrica di Vitamina D

Durante i mesi estivi, basta esporsi al sole per fare il pieno di Vitamina D.

Grazie ai raggi del sole (UVB) sulla pelle, il 7-deidrocolesterolo si trasforma prima in provitamina D3, o colecalciferolo, e poi grazie ad un enzima renale in Vitamina D3 vera e propria.

Per ottenere una quantità giornaliera adeguata di vitamina D3 è sufficiente esporsi al sole già alto nel cielo (verso mezzogiorno), in costume da bagno, senza filtri solari, all’aria aperta (non davanti a una finestra chiusa) per 15/20 minuti in media.

Il risultato varia a seconda del fototipo: le pelli più scure richiedono un’esposizione un po’ più lunga per produrre la stessa quantità di vitamina D rispetto alle pelli chiare.

Non serve quindi fare le lucertole al sole per un giorno intero e rischiare di scottarsi per fare il pieno di Vitamina D!

Chi lo avrebbe mai detto che una semplice molecola potesse avere tutti questi effetti! Ecco perché è importante farne scorta. Ma come fare quando le giornate si accorciano e le temperature si abbassano?

Se non hai in tasca un biglietto aereo per le Hawaii e sai che con l’alimentazione riesci a coprire appena il 10% circa del tuo fabbisogno di vitamina D, l’integrazione alimentare naturale resta allora l’unica altra possibilità.

 

I migliori integratori alimentari di Vitamina D naturale

Per aiutarti a fare chiarezza tra le innumerevoli proposte che trovi sul mercato, e a scegliere il migliore integratore di Vitamina D, ecco alcune indicazioni.

  • Scegli sempre prodotti 100% naturali, di derivazione vegetale, non OGM.
  • Preferisci una confezione in vetro scuro di grado farmaceutico (non plastica o blister) a garanzia della perfetta conservazione del prodotto. Il vetro poi è anche ecosostenibile!
  • Verifica la presenza del dispositivo safe-guard che conserva il prodotto per tutto il periodo della sua assunzione.
  • Attenzione alle capsule che devono essere sempre 100% vegetali e apribili (per chi avesse problemi di deglutizione)
  • Verifica la quantità di eccipienti e conservanti che devono essere sempre di origine naturale e preferibilmente mai superiori al 5%.
  • Assicurati che l’integratore che hai scelto sia notificato al Ministero Della Salute Italiano (e che il relativo codice figuri in etichetta!).

Il Ministero Della Salute Italiano raccomanda un’assunzione di 2000 Unità Internazionali (U.I.) al giorno. L’assunzione giornaliera è preferibile, per un prodotto naturale, all’assunzione in dosi più massicce, bisettimanale o mensile.

L’integratore alimentare 100% naturale DKE+Magnesio Salugea ha tutte le caratteristiche che cerchi. In questo integratore sono presenti anche le vitamine K, E e il Magnesio (sempre di origine naturale) che assicurano che il calcio, assorbito grazie alla Vitamina D, venga correttamente indirizzato alle ossa, e non si depositi invece nelle arterie o nelle articolazioni. Due capsule al giorno di DKE+Magnesio assicurano la quantità giornaliera di 2000 U.I. raccomandata dal Ministero della Salute Italiano e dall’EFSA4.

 

DISCLAIMER

Questo articolo ha scopo divulgativo, non va inteso come indicazione di diagnosi e cura di stati patologici e non vuole sostituirsi in alcun modo al parere del Medico.

 

1 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29346788/

Gil Á, Plaza-Diaz J, Mesa MD. Vitamin D: Classic and Novel Actions. Ann Nutr Metab. 2018;72(2):87-95. doi: 10.1159/000486536. Epub 2018 Jan 18. PMID: 29346788.

2 https://www.efsa.europa.eu/it/efsajournal/pub/4182

3 http://www.medicivallesina.it/micronutrizione-a-sostegno-dellimmunita/

4 https://www.hormone.org/your-health-and-hormones/glands-and-hormones-a-to-z/hormones/vitamin-d HORMONE HEALTH NETWORK (ENDOCRINE SOCIETY).

­­­­­­­­­­­­­­5 https://www.marionegri.it/magazine/sistema-immunitario

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi