Stranieri e raccolta differenziata: Milano coinvolge tutti

Stranieri e raccolta differenziata: Milano coinvolge tutti

Stranieri e raccolta differenziata: Milano coinvolge tutti
<!– Thumbnails –> <!– Pagination –> Aiutare gli stranieri a fare correttamente la raccolta differenziata e’ l’obiettivo della campagna di comunicazione “Milano e’ il mio futuro” lanciata ieri a Milano da AMSA e CONAI, con il contributo del Comune di Milano. Secondo un sondaggio della società Ipsos del…

via EcoWiki:

|Stranieri e raccolta differenziata: Milano coinvolge tutti

Stranieri e raccolta differenziata: Milano coinvolge tutti

Aiutare gli stranieri a fare correttamente la raccolta differenziata e’ l’obiettivo della campagna di comunicazione “Milano e’ il mio futuro” lanciata ieri a Milano da AMSA e CONAI, con il contributo del Comune di Milano.

Secondo un sondaggio della società Ipsos del dicembre 2012, il 57% dei nuovi cittadini dichiara di non aver mai fatto la raccolta differenziata nel proprio Paese d’origine e, in Italia, incontra difficoltà per la complessità delle regole e l’assenza di informazioni nella propria lingua.

La comunità straniera più numerosa a Milano è la filippina (circa 40.000 persone) e parla principalmente la lingua Tagalog. Seguono i residenti di nazionalità egiziana (36.000), cinese (24.000), peruviana (21.000), cingalese (16.000), ecuadoregna (15.000), rumena (14.500), marocchina (8.700) e ucraina (7.800).

Il nuovo materiale informativo sarà distribuito agli oltre 200.000 cittadini stranieri che abitano a Milano in nove lingue oltre che in italiano: arabo, cinese, cingalese, francese, inglese, romeno, spagnolo, tagalog e ucraino. Locandine in cinque lingue (mancavano ucraino, tagalog, cingalese e romeno) che spiegavano le differenze tra i bidoni condominiali di vario colore erano già disponibili, ma non capillarmente diffuse in città.

Secondo quanto annunciato ieri, saranno i membri stessi delle comunità a occuparsi della consegna delle guide per la raccolta differenziata, spiegandone i contenuti, nei quartieri di Milano, privilegiando i luoghi più frequentati dagli stranieri ovvero zone di residenza, mercati rionali, luoghi di culto e negozi etnici.

Oltre al contatto diretto, Amsa e Conai hanno previsto di utilizzare anche strumenti di comunicazione che coinvolgono i media classici. Da febbraio 2014, a metà della campagna di diffusione degli opuscoli informativi, sui tram e sui bus verranno posizionati cartelli nelle 9 lingue in cui è declinata la campagna.

Prosegui la lettura su: Stranieri e raccolta differenziata: Milano coinvolge tutti

EcoWiki

Stranieri e raccolta differenziata: Milano coinvolge tutti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi