Stati Generali della Green Economy 2013

amazon basics 2

Stati Generali della Green Economy 2013

Proposte di sviluppo della Green Economy per contribuire a far uscire l’Italia dalla crisi

Rimini 7-8 Novembre 2013

Visita il sito ufficiale

 

Gli Stati Generali, nati da un’idea del Ministro dell’Ambiente con le principali associazioni di imprese “green” italiane, hanno l’ambizione di promuovere un nuovo orientamento dell’economia italiana verso una green economy per aprire nuove opportunità di sviluppo durevole e sostenibile ed indicare la via d’uscita dalla crisi economica e climatica.

Sono un’iniziativa che andrà ad inserirsi nel processo che l’Unione europea intende avviare per dare attuazione agli impegni presi nella Conferenza di Rio +20.

L’obiettivo è sviluppare una piattaforma programmatica per lo sviluppo di una green economy in Italia attraverso l’analisi dei potenziali positivi, degli ostacoli, nonché delle politiche e delle misure necessarie per migliorare la qualità ecologica dei settori strategici.

Gli Stati Generali della Green Economy, la due giorni dedicata all’economia verde, si sono tenuti il 7-8 novembre a Rimini e hanno indicato una “road map verso la sostenibilità” scandita dalle 70 proposte emerse dal lungo processo partecipativo.

Otto gruppi di lavoro e numerosi incontri tematici, con la partecipazione di 1000 esperti, hanno consentito di mettere a punto la proposta di “Un programma di sviluppo della green economy per contribuire a far uscire l’Italia dalla crisi”, espressione di una piattaforma programmatica che è stata presentata al Ministro dell’Ambiente e al Ministro dello Sviluppo Economico, ai rappresentanti del Governo, delle forze produttive, delle forze politiche e della società civile, nochè discussa con i rappresentanti dell’OCSE e dell’UE.

Con più di 1.500 partecipanti, circa 40 relatori, due ministri, gli Stati Generali della Green Economy hanno confermato che in Italia la nuova economia verde costituisce il settore più innovativo che crea occupazione, contrasta la recessione e proietta il Paese sui mercati internazionali.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi