Sottraimo e inquiniamo il 54% dell'acqua dolce per agroalimentare e tessile

Sottraimo e inquiniamo il 54% dell'acqua dolce per agroalimentare e tessile

Ecoblog.it

Sottraimo e inquiniamo il 54% dell'acqua dolce per agroalimentare e tessile

Di tutta l’acqua presente sul Pianeta poco meno dell’1% è potabile e solo il 2,5% è acqua dolce (fiumi, laghi, ghiacciai ecc.).Ne sottraiamo il 54% agli ecosistemi e dunque all’intero Pianeta per industria e agricoltura.

Oggi è la giornata internazionale dell’acqua, ricorrenza voluta dall’ONU per ricordare quanto questa risorsa sia fondamentale per la vita sul Pianeta. Noi viviamo di acqua e gli ecosistemi che vivono di acqua dolce sono il 7% delle 1,8 milioni di specie conosciute, tra cui un quarto dei 60.000 vertebrati noti e si estinguono mediamente 5 volte in più rispetto alle specie terrestri. Infatti l’uomo si prende il 54% di tutta l’acqua dolce accessibile per usarne il 20% nell’industria e il restante in agricoltura.

Secondo il rapporto WWF Living Planet Report 2012 la capacità di autorigenerarsi dell’acqua è diminiuita del 37% e del 70% nelle zone tropicali. Ma nonostante la consistente diminuzione l’industria continua a prelevarne il 20%.

L’Unesco ha stimato che l’acqua che sarà usata per l’industria passerà dai 752 km3 l’anno del 1995 ai 1.170 km3 nel 2025 rappresentando così il 24% del prelievo totale di acqua dolce. E non restituirà solo merci ma anche acqua inquinata. Infatti nelle acque sono accumulate ogni anno dalle 300 alle 500 tonnellate tra metalli pesanti, solventi, fanghi tossici e di altri rifiuti. Le industrie che inquinano maggiormente sono quelle della trasformazione alimentare responsabile del 40% dell’inquinamento organico.

Ma anche l’industria tessile inquina e tanto. E’ Greenpeace international a portare avanti con la campagna Detox per avere industrie meno inquinanti e come ha spiegato l’attivista cinese Tianjie Ma a capo di Greenpeace East Asia’s Toxic Campaign:

Lo scorso mese il governo cinese ha riconosciuto per la prima volta l’esistenza di” villaggi del cancro, legati all’inquinamento da sostanze chimiche pericolose e ha segnalato volontà di affrontare l’inquinamento delle acque in maniera aperta e trasparente. acqua in modo aperto e trasparente.

D’altronde resta clamoroso il caso degli oltre13 mila maiali trovati morti nel fiume Huangpu a Shanghai probabilmente per aver ingerito l’acqua inquinata.

Per ora alla richiesta di disinquinare l’industria tessile, che ha le sue mille fabbrichette proprio in Cina e India, hanno risposto all’appello alcune tra le grandi multinazionali come Zara, H&M, Levi’s, Victoria’ Secret annunciando l’impegno di eliminare tutte le sostanze chimiche pericolose dalle loro catene di approvvigionamento e prodotti. In tutto il mondo un’ondata di modaioli, designer e attivisti si è unita insieme per chiedere vestiti la cui storia faccia sentire orgogliosi.

Via | Comunicato stampa WWF, Comunicato stampa Greenpeace international
Foto | Getty Images

Sottraimo e inquiniamo il 54% dell’acqua dolce per agroalimentare e tessile é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 11:42 di venerdì 22 marzo 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Sottraimo e inquiniamo il 54% dell'acqua dolce per agroalimentare e tessile

Sottraimo e inquiniamo il 54% dell'acqua dolce per agroalimentare e tessile Sottraimo e inquiniamo il 54% dell'acqua dolce per agroalimentare e tessile

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Sottraimo e inquiniamo il 54% dell'acqua dolce per agroalimentare e tessile

Argomenti trattati: 19554 | Blog di Ecologia per Tutti. News Ecosostenibili. Risparmio Energetico. Rifiuti e Riciclaggio. Emergenza Ambientale
Altre informazioni inerenti Sottraimo e inquiniamo il 54% dell'acqua dolce per agroalimentare e tessile:

Marina Perotta
http://feeds.blogo.it/ecoblog/it
Ecoblog.it
Eco blog: natura, ambiente, ecologia e risparmio energetico

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi