Pronto il veicolo che viaggia ad aria. Arriverà davvero sul mercato?

Pronto il veicolo che viaggia ad aria. Arriverà davvero sul mercato?

VirtuousItaly.it

Dalla seconda metà del 2013, potremmo assistere alla commercializzazione di un veicolo insolito, la AirPod, concepita dalla Motor Development International (Mdi) in partnership con Tata Motors, un’auto super leggera alimentata ad aria.

Il costo si aggirerà sui 7.000 euro, raggiungerà una velocità massima di 80 Km/h, avrà un joystick al posto del volante. La cosiddetta “auto ad aria”, già esposta come prototipo al salone di Ginevra del 2009, sarà equipaggiata con un particolare motore (soli 4 KWatt di potenza), alimentato ad aria compressa ed il pieno, si stima, costerà 1-2 euro garantendo una percorrenza di quasi 100 Km.

La vendita non avverrà tramite concessionari, bensì direttamente in fabbrica, ed in Italia ne sono già state individuate tra quelle esistenti, circa venti, che dovrebbero arrivare a produrre complessivamente 140 mila esemplari all’anno. La prima ad entrare in funzione sarà quella dell’imprenditore Massimo Locci, a Cagliari, già impegnata da tempo nella produzione di veicoli alimentati ad energia alternativa. A sostenere localmente l’iniziativa, anche l’Autorità Portuale di Cagliari che si è impegnata a concedere circa 900 ettari del porto, alla società di Locci, anticipando un progetto già in discussione con il Presidente del Consiglio Mario Monti, per realizzare il “Green Port”.

Il progettista dell’AirPod, Guy Negre, fondatore della Mdi, un passato in Formula 1 con la Wiliams, ha investito competenze e tempo nella realizzazione di quest’auto, e ha ideato anche un canale per la produzione e la distribuzione a Km 0, così oltre a garantire occupazione fa sì che i proventi delle vendite restino ai territori.

Al di là dei risultati che avrà il progetto, che sicuramente si mostra valido ed interessante per diversi aspetti legati soprattutto al risparmio energetico ed economico, ciò che sorprende positivamente è l’entusiasmo con cui una singola idea (verde sì, ma anche e soprattutto commerciale), sia stata accettata, diffusa, sviluppata e condivisa da persone diverse (imprenditori, enti pubblici, cittadini) accomunate dal desiderio di contribuire attivamente alla salvaguardia dell’ambiente.


• Facebook • Twitter • Google Plus • Pinterest • LinkedIn • RSS • Add to favorites • Email • Print • PDF

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale
Fonte:
Argomenti trattati: 15521 | L’Italia che funziona | Energia: Fonti Rinnovabili, Efficienza Energetica e Best Practice Energia | Mobilità, Rifiuti, Green Economy
Altre informazioni inerenti Pronto il veicolo che viaggia ad aria. Arriverà davvero sul mercato?: , Redazione Virtuous, http://www.virtuousitaly.it/?feed=rss2, Virtuousitaly,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi