Per una corte d'appello USA gli attivisti anti-caccia alle balene sono "pirati"

concentrato di cranberry

EcoBlog.it

<!–
By use of this code snippet, I agree to the Brightcove Publisher T and C
found at https://accounts.brightcove.com/en/terms-and-conditions/.
–>

<!–
This script tag will cause the Brightcove Players defined above it to be created as soon
as the line is read by the browser. If you wish to have the player instantiated only after
the rest of the HTML is processed and the page load is complete, remove the line.
–>

Le vicende giudiziarie umane sono assai curiose alle volte.

Nel grande oceano meridionale si stanno confrontando una flotta baleniera giapponese e tre navi dell’ong Sea Shepherd guidate da equipaggi australiani.  Anche il sito dell’operazione Zero Tolerance è un sito australiano. Lo scontro avviene in acque internazionali, nella zona protetta nota come Santuario delle balene dell’Oceano Meridionale, dove secondo l’International Whaling Commission è vietata ogni attività di caccia.

Eppure una corte d’appello degli USA ha appena emesso una sentenza in cui accusa di pirateria non i cacciatori di balene, ma gli attivisti!

Secondo il giudice Kozinski gli attivisti sono pirati perchè mettono in pericolo la navigazione delle navi giapponesi. Riferisce che hanno danneggiato eliche, lanciato bombe fumogene e puntato laser contro i giapponesi, senza peraltro portare delle prove.

Non si comprende come una corte USA possa perdere tempo in qualcosa su cui non ha alcuna giurisdizione. Sembra una mossa piuttosto goffa per controbilanciare la denuncia presentata dall’Australia contro il Giappone alla Corte Internazionale di Giustizia per caccia illegale.

La Sea Shepherd ha sofferto numerosi guai giudiziari a causa del suo estremo attivismo. Lo scorso anno il suo presidente Paul Watson rimase agli arresti domicliari per due mesi in Germania in seguito ad una richiesta di estradizione da aprte del Costa Rica per un incidente navale. Watson fu poi rilasciato su cauzione e l’estradizione non ha avuto luogo.

E’ possibile anche firmare una petizione rivolta alla Casa Bianca per farrozare il divieto di caccia alle balene nell’Oceano meridionale.

Per una corte d’appello USA gli attivisti anti-caccia alle balene sono “pirati” é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 09:00 di mercoledì 27 febbraio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Per una corte d'appello USA gli attivisti anti-caccia alle balene sono "pirati" Per una corte d'appello USA gli attivisti anti-caccia alle balene sono "pirati"

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Per una corte d'appello USA gli attivisti anti-caccia alle balene sono "pirati"

Il Blog degli amanti della natura. Ecologia per tutto. Risparmio Energetico. Energia Rinnovabile.
Argomenti trattati: 19554 | Blog di Ecologia per Tutti. News Ecosostenibili. Risparmio Energetico. Rifiuti e Riciclaggio. Emergenza Ambientale
Altre informazioni inerenti Per una corte d'appello USA gli attivisti anti-caccia alle balene sono "pirati": , EcoAlfabeta, http://feeds.blogo.it/ecoblog/it, Ecoblog.it, Eco blog: natura, ambiente, ecologia e risparmio energetico

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi