Orso avvelenato in Abruzzo, già sono 4 gli esemplari morti nel 2014

prozis amminoacidi

Mentre sono ancora in atto le polemiche per la morte dell’orsa Daniza viene trovato morto forse per avvelenamento un altro orso bruno, questa volta in Abruzzo

E’ di stamane il ritrovamento di un orso morto nella Riserva del Monte Genzana nella ZPE, Zona di protezione esterna del Parco Nazionale d’Abruzzo di un orso marsicano morto probabilmente per avvelenamento.

Nel mese di agosto erano state segnalate le presenze di due plantigradi, un maschio e una femmina, nella zona di Pettorano sul Gizio d cui uno non munito di radiocollare. Proprio ieri un contadino ha raccontato di aver visto l’orso nei pressi del suo pollaio un orso, probabilmente il maschio ritrovato poi ucciso. La zona era popolata da cinque orsi marsicani e già era stato richiesto l’intervento dell’esercito e della protezione civile per garantire la sicurezza agli abitanti. Ricordiamo che i danni causati dagli orsi, per cui c’è in atto un programma di ripopolamento LifeUrsus, sono sempre indennizzati dai vari Enti.

Orso avvelenato in Abruzzo, già sono 4 gli esemplari morti nel 2014

Sono con il recente ritrovamento già quattro gli orsi morti nel Parco nazionale d’Abruzzo, tra Lazio e Molise, dall’inizio del 2014 a oggi:

Il 14 marzo in località Sperone di Gioia dei Marsi (L’Aquila) un’orsa viene soccorsa dal servizio veterinario del Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, ma muore poche ore dopo; si scoprirà successivamente che era affetta da tubercolosi bovina.

Il 9 giugno a Pescasseroli (L’Aquila), in località Prato Cardoso, viene trovata la carcassa di un orso di 15 anni, esemplare maschio conosciuto con il nome Ferroio.

Il 29 agosto a Settefrati (Frosinone), paesino della Valcomino, muore un cucciolo di orso, una femmina di circa sette mesi.

Via | Corpo Forestale, centoxcentoanimalisti, Abruzzo24
Foto | Parco Nazionale d’Abruzzo

Orso avvelenato in Abruzzo, già sono 4 gli esemplari morti nel 2014 é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 19:44 di venerdì 12 settembre 2014.


Ecoblog.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi