L’effetto rebound non vanifica l’efficienza energetica

L’effetto rebound non vanifica l’efficienza energetica

fonte

L’effetto rebound non vanifica l’efficienza energeticaHa senso risparmiare energia se poi quella stessa energia viene usata altrove? Le tecnologie efficienti ci mettono a disposizione auto ibride che consumano poco al km, ma poi le usiamo per andare più lontano o spendiamo i soldi risparmiati in altri apparecchi che a loro volta consumano poco, ma che concorrono a innalzare il totale.

L’effetto rebound e’ noto in economia da molto tempo. Storicamente, quando si e’ trovato un modo efficiente di usare il carbone, la domanda di carbone e’ aumentata. L’efficienza potrebbe quindi avere effetti deleteri sulla riduzione delle emissioni e sulla lotta ai cambiamenti climatici.

I risultati di una ricerca congiunta delle università di Yale, della California e dell’U.S. Environmental Defense Fund mostrano che il rebound non vanifica del tutto il risparmio e per calcolarlo sono stati considerati quattro tipi di rebound. Il primo e’ il caso diretto visto prima: l’apparecchio (auto, lavatrice, …) consuma di meno, quindi lo usiamo di più. Il secondo parte dal presupposto che se anche mantenessimo limitate le abitudini di utilizzo degli apparecchi efficienti, ci ritroveremmo con dei soldi risparmiati che potremmo spendere in altri apparecchi (mi compro l’asciugatrice, tanto ho tutti gli elettrodomestici di classe A…).

Il terzo rebound avviene a scala regionale: se un Paese intero risparmia energia, il prezzo di questa scende e diventa disponibile per un Paese confinante, che inizia ad usarla. L’ultimo rebound accade quando l’efficienza energetica e i risparmi connessi stimolano una crescita economica e produttiva, che comporta l’avvio di nuove industrie, e quindi il consumo di nuove risorse.

A conti fatti, il rebound si attesta tra il 5 e il 30% dei risparmi introdotti grazie all’efficienza energetica. Anche nel caso arrivasse al 50%, sarebbe ancora vantaggioso proseguire per questa strada.

David Rapson, dell’università della California, raccomanda “da un punto di vista economico, una carbon tax on un mercato delle emissioni ben funzionante sono ancora le scelte migliori. Nel caso le condizioni politiche non li consentissero, si dovrebbero prendere in considerazione gli standard di efficienza energetica.”

L’effetto rebound non e’ quindi una scusa per smettere di sostenere politiche per il risparmio energetico.

The rebound effect is overplayed on Nature

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale
Fonte:
Argomenti trattati: 2360 | Green Economy | Efficienza Energetica | Fonti Rinnovabili | Educazione Ambientale | Rifiuti | Ecologia
Altre informazioni inerenti L’effetto rebound non vanifica l’efficienza energetica: , lumachina, , EcoWiki, ambiente ecologia energia natura

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi