India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI

India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI

fonte

India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI

L’ India ha oggi il suo eroe contadino: Sumant Kumar, del villaggio di Darveshpura nello stato rurale di Bihar, ha stabilito un nuovo record mondiale nella produzione di riso, con 22,4 tonnellate per ettaro. Tanto per fare un confronto la resa media indiana è inferiore alle 4 t/ha, la Cina è a 6,6 e gli USA a 8. Altri agricoltori della zona hanno superato le 17 t/ha. I numeri sembrano incredibili, ma sono riportati da India Today e The Indu e sono stati ripresi ripresi anche dal Guardian.

Il risultato è ancora più straordinario se si pensa che è stato ottenuto senza OGM e biotecnologie, senza fertilizzanti chimici ed erbicidi, con metodi prossimi quindi all’agricoltura biologica.

Come è stato possibile?

Il risultato è stato raggiunto con il cosiddetto metodo SRI (System of Rice Intensification), sviluppato oltre 25 anni fa da un missionario gesuita in Madagascar: l’idea fondamentale è prendersi cura delle singole piante di riso, in modo che crescano bene e senza affollamento. L’impacchettamento delle piante nelle nostre risaie non sembra infatti essere una buona idea, perchè si crea eccessiva competizione per le risorse.

Le giovani piantine vengono invece trapiantate solo dopo una settimana, rapidamente e con cura in modo da non danneggiare le radici, con una densità massima di 16 al m² . Il suolo deve rimanere sempre umido, ma con uno strato d’acqua piuttosto sottile, in modo tale da permettere la vita dei batteri aerobici. Abbodanti nutrienti devono essere forniti con ogni biomassa disponibile, compreso il letame animale.

Leggi anche:  La legge salva Ilva è legittima, respinti i ricorsi dalla Corte costituzionale

In questo modo, assecondando la natura, invece di forzarla a produrre come una catena di montaggio, sono stati ottenuti ottimi risultati, con un minore uso di semi e di acqua e senza emissioni di metano, come avviene invece nelle risaie tradizionali, a causa della decomposizione anaerobica dovuta al maggiore strato di acqua.

L’agricoltura contadina dimostra che quando è lasciata libera di sperimentare le soluzioni più adatte ad ogni ambiente è in grado di sfamare le comunità locali (e quindi li mondo) anche senza consulenti, tecnocrati e banchieri. Questo è l’inizio della sovranità alimentare.

India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI
Vita quotidiana nello stato di Bihar, India India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI

India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 09:00 di lunedì 18 febbraio 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI

India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRIIndia: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale
Fonte:
Argomenti trattati: 2360 | Green Economy | Efficienza Energetica | Fonti Rinnovabili | Educazione Ambientale | Rifiuti | Ecologia
Altre informazioni inerenti India: raccolto record di riso da agricoltura contadina e SRI: , EcoAlfabeta, http://feeds.blogo.it/ecoblog/it, Ecoblog.it, Eco blog: natura, ambiente, ecologia e risparmio energetico

Potrebbe interessarti anche:

Leggi anche:  OCSE: catastrofe ecologica entro il 2050 senza politiche ambientali efficaci

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi