Il rosso in cromoterapia

Il rosso in cromoterapia

Yes.life: il web magazine della sostenibilità ambientale e della vita sostenibile e divertente

rosso,cromoterapia

Esploriamo, tra i vari colori, proprio quello che rimanda alla vita e allo spirito attivo che permea tutte le cose. Quali effetti ha il rosso sulla nostra psiche, cosa accade a livello di impatto retinico e quali sono le azioni sul nostro stato interiore

Gli alimenti rossi e i benefici

Iniziamo col ripassare gli alimenti che per eccellenza sono rossi: rapa rossa, pomodori, melagrana, uva, radicchio rosso, fragole, ciliegie, cocomero e , tra le spezie, il peperoncino. Tutti, oltre al colore, hanno in comune la funzione: accelerano il sistema linfatico, facilitando l’eliminazione delle scorie.  Consumarli è anche una sorta di atto che vi avvicina alla cromoterapia, in quanto la visione di questo colore agisce sul nostro stato interiore in molti modi.

Rosso è anche un tipo di tè cui sono attibuite notevoli proprietà depurative; secondo i dettami della Medicina Tradizionale Cinese, in caso di pazienti in sovrappeso, talvolta i medici agoupuntori possono prescrivere la dieta del tè rosso, che deve però essere effettuata sotto stretto controllo medico e prevede l’esclusione di alcuni alimenti notevolmente zuccherini (fichi, uva, dolciumi, banane, etc).

Il rosso in cromoterapia

Il potere curativo del rosso viene usato in cromoterapia per arginare o lenire diversi disturbi. Tra questi ricordiamo che al rosso si ricorre nei casi di depressione, nelle malattie da raffreddamento, nel mal di gola, nella tosse cronica e nell’asma, nel trattamento delle paralisi parziali e totali, o nella cura dell’impotenza maschile.
Utile nei casi in cui lo spirito vitale ristagna e ci si stanca facilmente. Quando l’impegno è sempre carente e si risponde agli stimoli con difficoltà. L’apatia e la pressione bassa possono essere arginate con questo colore.
Non viene invece consigliato in casi di iperemotività e ipertensione o tachicardia.

Il rosso e il primo chakra, Muladhara

Il rosso, insieme al nero, è associato al primo chakra: Muladhara. Per localizzarlo dovete concentrarvi sulla zona alla base della spina dorsale, nella zona del perineo, tra i genitali e l’ano.


Gli organi corrispondenti a questo chakra sono i piedi, le gambe, le ginocchia, il bacino, la colonna vertebrale, le ghiandole endocrine surrenali, l’apparato genitale, la vescica, l’intestino crasso, la muscolatura, lo scheletro osseo e il sistema nervoso centrale. Il senso corrispondente a Muladhara è l’olfatto.

Dalla Redazione di Cure-Naturali.it

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Il rosso in cromoterapia

Argomenti trattati: 21030 | YesLife: Scienza e Tecnologia – Mobilità Sostenibile – Moda e Bellezza – Design e Architettura – Viaggi e Natura – Eco Cultura e Società – Prodotti e Consumi Eco
Altre informazioni inerenti Il rosso in cromoterapia:

Yes.life: il web magazine della sostenibilità ambientale e della vita sostenibile e divertente
Yes.life è il web magazine della vita sostenibile, ecologica,solidale,green,e divertente

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi