Gse, incentivi per gli impianti di cogenerazione

Gse, incentivi per gli impianti di cogenerazione

Yes.life: il web magazine della sostenibilità ambientale e della vita sostenibile e divertente

Al via l’emissione da parte del GSE dei Titoli di Efficienza Energetica. Di cosa si tratta e come accedervi.

La cogenerazione non è una tecnica di nuova applicazione, ma il relativo basso costo delle fonti fossili, unita alla scarsa sensibilità riguardo i vantaggi derivanti dall’efficientamento energetico, ne hanno rallentato l’applicazione su ampia scala. In tal senso, il decreto ministeriale del 5 Settembre 2011 prevedeva un regime di sostegno per gli investimenti effettuati nel campo.

Ma andiamo a vedere di cosa si parla esattamente. Nei sistemi di produzione energetica tradizionali, la generazione di calore e quella di elettricità sono sempre stati due processi separati. Questo, nonostante la produzione di energia meccanica (solitamente tramutata in energia elettrica) porti naturalmente alla produzione di calore. Calore che, nella maggior parte dei casi veniva disperso nell’ambiente. Tale spreco ha significato, negli anni, una spesa non trascurabile in termini di sfruttamento delle risorse necessarie alla produzione di energia, in termini di emissioni climalteranti e, non ultimo, in termini di costi sostenuti dalla collettività per sopperire a questa mancanza di efficienza.

L’obiettivo della cogenerazione è dunque quello di sopperire a tale spreco, ricombinando i due processi. E cioè, produrre energia meccanica e calore all’interno del medesimo impianto. Il calore così generato può essere sia utilizzato per il condizionamento degli edifici (riscaldamento e/o raffreddamento), sia direttamente impiegato in processi industriali (sotto forma di vapore), ossia nel settore in cui la battaglia per una transizione verso regimi energetici più sostenibili ed efficienti è più strategica e necessaria. Se un impianto di generazione energetica da fonti fossili di tipo “tradizionale”, con le tecnologie più avanzate a disposizione, può raggiungere un massimo del 55% di efficienza, una transizione verso la cogenerazione porta tale risultato a superare l’80%.


A più di un anno dalla firma del Decreto Ministeriale del 5 Settembre 2011 siamo giunti finalmente all’avvio del regime di sostegno per tali impianti. Da oggi sarà dunque possibile, per gli impianti di cogenerazione, accedere ai Titoli di Efficienza Energetica (TEE), meglio conosciuti come Certificati Bianchi, vedendosi riconosciuto un incentivo calcolato in base all’effettivo risparmio di energia primaria ottenuto. La gestione del meccanismo di incentivazione è affidata al GSE. A questo l’operatore dovrà rivolgersi per ottenere la qualifica di CAR (Cogeneratore ad Alto Rendimento, i vincoli in base ai quali viene definito il CAR sono definiti nel Decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20, come integrato dal DM 4 agosto 2011). Nel nostro Paese è sempre più diffusa l’applicazione della cogenerazione. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha certificato, tra il 2004 ed il 2010 un aumento della potenza complessiva di cogenerazione ad alto rendimento del 40% (circa 3000 MW).

Se la cogenerazione in impianti ancora dipendenti dalle fonti fossili non si possa considerare la soluzione al problema energetico, è anche vero che questa costituisce una delle più importanti strade da percorrere per compiere passi significativi verso un sistema finalmente efficiente, che abbatta gli sprechi e che avvii la sua ristrutturazione verso una rete più decentralizzata (la cogenerazione è più efficiente quando effettuata in prossimità del luogo di consumo), smart, e sostenibile.

Luigi Gaudio

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Gse, incentivi per gli impianti di cogenerazione

Argomenti trattati: 21030 | YesLife: Scienza e Tecnologia – Mobilità Sostenibile – Moda e Bellezza – Design e Architettura – Viaggi e Natura – Eco Cultura e Società – Prodotti e Consumi Eco
Altre informazioni inerenti Gse, incentivi per gli impianti di cogenerazione:

Yes.life: il web magazine della sostenibilità ambientale e della vita sostenibile e divertente
Yes.life è il web magazine della vita sostenibile, ecologica,solidale,green,e divertente

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi