Domotica e pubblica amministrazione: un binomio eco-friendly

Piccolo Comune, (relativamente) pochi soldi, grandi risultati. Dàmbel, paese di 400 anime situato in val di Non (in provincia di Trento), si è visto recentemente assegnare l’Abb Energy Efficiency Award 2012per la realizzazione di un edificio polifunzionale particolarmente eco-friendly, dove efficienza energetica e salvaguardia ambientale si accompagnano a domotica e automazione. Realizzato per «risparmiare e razionalizzare le risorse del Comune», l’edificio autogestisce illuminazione, riscaldamento, acqua e ombreggiatura, e lo fa lasciando sempre spazio all’opzione manuale.

PROGETTO – Il progetto nasce dall’esigenza di fare ordine all’interno del patrimonio edilizio comunale, costituito tra l’altro da un grande fabbricato degli anni Sessanta con gravi problemi statici ed energetici e da una serie di piccoli uffici sparsi per il paese: un frazionamento considerato inutile e dispendioso, che fa optare per la scelta di un’unica sede. Dell’edificio anni Sessanta si mantiene solo il piano interrato, che ospita un teatro: restaurato negli anni Novanta «funziona ancora perfettamente, per cui demolire tutto non aveva alcun senso», spiega il sindaco Flavio Pedrotti. Sopra il teatro si erigono tre piani fuori terra; accanto a esso un magazzino. Nel complesso la costruzione – primo spazio pubblico in Italia certificato Arca, il marchio creato per gli edifici in legno, e in attesa della certificazione Leed Gold – ospita gli uffici amministrativi e politici del Comune, l’ambulatorio e la scuola materna; lo spazio adiacente le attrezzature di manutenzione e assistenza da utilizzare quando nevica.

DOMOTICA – L’edificio, che ha la struttura in legno, gestisce l’illuminazione interna a seconda della luce naturale, delle condizioni atmosferiche e della presenza umana; la luce esterna viene regolata da un orologio e da un interruttore crepuscolare. La ventilazione di teatro e scuola materna sono regolati in base all’orario di utilizzo, anche tramite sonde che rilevano la concentrazione di CO2: superata una certa soglia, il sistema aumenta in automatico il ricircolo d’aria. Ci sono poi le veneziane metalliche motorizzate, per schermare a seconda della luminosità e della temperatura; la caldaia a pellet, in un’area geografica che del riscaldamento fa ampio uso; il riuso dell’acqua piovana per la pulizia dei bagni e l’irrigazione; e ovviamente la possibilità di controllare il tutto in remoto. Ogni spazio può essere gestito anche in manuale: chi volesse accedere, spegnere, regolare o cambiare uno dei parametri può farlo in libertà.

COSTI – Il prezzo dell’operazione? «Con Iva, spese tecniche e tutto incluso, il costo è di 2.800.000 euro», dichiara Pedrotti. «Per l’80% finanziato dalla Comunità Europea, assieme a Provincia di Trento e Stato; il restante 20% viene coperto in parte da noi come avanzo di amministrazione, e in parte da un mutuo. Contiamo di ammortizzare la cifra nel giro di un paio d’anni».

TARATURA – Pericolo di obsolescenza precoce? «Secondo i tecnici che hanno seguito il progetto non ci dovrebbero essere grandi problemi», prosegue il primo cittadino di Dambel. «Al momento siamo ancora in fase di taratura dei sistemi domotici, per cui solo alla fine dell’inverno sapremo quantificare il risparmio effettivo di combustibile. In generale possiamo dire che è vero, si tratta di tecnologie recenti, ma tutto sommato abbastanza semplici: sensori, dopotutto, facili anche da manutenere. Siamo ottimisti. E crediamo in questa scelta».

DISTRETTO – La fiducia nel green building, sul territorio, pare istituzionale. Al lavoro, dal 2007, c’è un apposito distretto tecnologico (Habitech) attivo sui fronti energia, edilizia e mobilità, ormai riconosciuto a livello internazionale. Nell’ambito green, Habitech sta già lavorando all’edizione 2013 di Rebuild, la principale convention italiana dedicata ai 2 miliardi di metri cubi di edifici da riqualificare presenti sul suolo italiano.

Fonte:www.corriere.it

BioNotizie.com raccoglie notizie dal web dal mondo BIO presentandole spesso in formato ridotto.

Per approfondimenti si consiglia dunque di consultare FONTE di questa notizia.

Questo articolo tratta di:
Green Life – Green Style – Green Economy – Ecosostenibilità – Bio Edilizia – Fonti Rinnovabili

Domotica e pubblica amministrazione: un binomio eco-friendly

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi