Deindustrializzazione dell’Italia: ovvero la decrescita infelice

amazon basics

Deindustrializzazione dell’Italia: ovvero la decrescita infelice

Deindustrializzazione dell’Italia: ovvero la decrescita infelice
<!–occhiello:start–>Il rapporto sulla competitività Ue è stato impietoso e descrive la situazione italiana cone una “vera e proprie deindustrializzazione”: siamo alla decrescita infelice.<!–occhiello:end–> E’ la notizia del giorno: Italia deindustrializzata e fanalino di coda nella Ue, questo in sintesi il senso…

via Ecoblog.it:

|Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice

Deindustrializzazione dell’Italia: ovvero la decrescita infelice

Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice

Il rapporto sulla competitività Ue è stato impietoso e descrive la situazione italiana cone una “vera e proprie deindustrializzazione”: siamo alla decrescita infelice.

E’ la notizia del giorno: Italia deindustrializzata e fanalino di coda nella Ue, questo in sintesi il senso del Rapporto sulla competitività presentato a Bruxelles. Siamo in decrescita ma infelice, ossia quella non programmata per cui la sperequazione sociale è attualmente vistosa.

La produttività è al meno 20% e Spagna e Grecia ci hanno superato. Da noi influisce il costo dell’energia e l’eccessiva pressione fiscale, le difficoltà di accesso al credito e l’eccessiva burocrazia.

Ma d’altronde ognuno di noi in merito è testimone di qualche storia legata ai punti critici individuati dalla Ue. Ma ciò non toglie che questa decrescita infelice non possa rappresentare una buona occasione per riconvertirla in decrescita felice. Partendo dall’energia e dal taglio di quegli incentivi che sono proprio inutili, ossia a quel capitolo noto come CIP6 tenuto in vita in extremis proprio dall’ex ministro Passera. Sapete quanto ci è costato nel 2012? Ce lo dice l’Autorità per l’Energia nella sua relazione: 918 milioni di euro per le rinnovabili e 2.239 milioni di euro per le assimilate. E per assimilate si intendono anche gli inceneritori, che nella bizzarra visione dei politici, sono fonti di energia assimilata alle rinnovabili e non macchine di morte.

Scrive nel suo rapporto l’Autorità:

Nel 2011 i costi totali dei ritiri del GSE per l’energia CIP6 sono stimabili in circa 3,3 miliardi di euro, in prevalenza (circa il 72%) legati alla remunerazione dell’energia CIP6 prodotta da impianti assimilati. Per quanto riguarda le fonti assimilate, sulla base delle dichiarazioni degli operatori che hanno risposto all’Indagine dell’Autorità, risulta che otto operatori effettuano la quasi totalità della generazione elettrica in convenzione CIP6; le quote maggiori spettano ai gruppi Edison (20,8%), Saras (18,4%) ed Erg (16,8%). Per i ritiri, invece,
dell’energia prodotta da fonti rinnovabili, la società A2A realizza quasi un terzo (30,9%) della generazione rinnovabile, seguita da Ital Green Energy Holding (14,1%), Api (7,7%) e International Power (5,8%). Complessivamente i primi dieci operatori coprono oltre l’80% dell’energia totale rinnovabile in convenzione CIP6.

Ma questa pioggia di soldi non potrebbe essere usata diversamente?

Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice é stato pubblicato su Ecoblog.it alle 20:23 di mercoledì 25 settembre 2013. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.

Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice

Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice

Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice
Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice
Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice

Deindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infeliceDeindustrializzazione dell'Italia: ovvero la decrescita infelice

Prosegui la lettura su: Deindustrializzazione dell’Italia: ovvero la decrescita infelice

Ecoblog.it

Deindustrializzazione dell’Italia: ovvero la decrescita infelice

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi