Cuccioli e bambini maltrattati fanno pena: gli adulti meno

Cuccioli e bambini maltrattati fanno pena: gli adulti meno

Cuccioli e bambini maltrattati fanno pena: gli adulti meno
Bambini, cuccioli e cani maltrattati fanno più pena degli adulti umani, anche se prendono le stesse botte. A misurare l’empatia che queste categorie sono capaci di suscitare in un ragazzo tra i 18 e i 25 anni sono stati Jack Levin e Arnold Arluke, professori di criminologia e sociologia alla Northeastern …

via EcoWiki:

|Cuccioli e bambini maltrattati fanno pena: gli adulti meno - BioNotizie.com

Cuccioli e bambini maltrattati fanno pena: gli adulti meno

animali e bambiniBambini, cuccioli e cani maltrattati fanno più pena degli adulti umani, anche se prendono le stesse botte.

A misurare l’empatia che queste categorie sono capaci di suscitare in un ragazzo tra i 18 e i 25 anni sono stati Jack Levin e Arnold Arluke, professori di criminologia e sociologia alla Northeastern University. I due hanno fatto leggere a 240 studenti universitari degli articoli su maltrattamenti identici, tranne che per la specie e l’età della vittima: bambini, trentenni, cuccioli o cani adulti. Hanno poi chiesto di esprimere i loro sentimenti nei confronti delle vittime.

Non ci sono differenze significative tra cuccioli, bambini e cani adulti, mentre gli esseri umani adulti suscitano molta meno pena. Il preconcetto alla base di questi risultati e’ che un uomo adulto si sa difendere da solo, mentre per le altre categorie scatta l’istinto di protezione degli indifesi. Ora, se uno viene picchiato dovrebbe essere ovvio che non riesce a difendersi da solo, ma essendo cresciuto e’ più facile ignorare il suo dolore e girare lo sguardo dall’altra parte.

Interessante anche vedere che il meccanismo psicologico “adulto, quindi capace di difendersi” non funziona per i cani. Un cane di 6 anni viene ancora visto come un grande cucciolo, bisognoso di protezione. Sotto sotto il cane non e’ un amico dell’uomo alla pari, ma un subordinato di cui occuparsi perché incapace di badare a se stesso.

Questa ricerca spiega perché girano migliaia di foto di cani maltrattati su facebook, perché le richieste di soldi a Natale hanno facce di bambini e perché i barconi dei clandestini vengono respinti a cuor leggero da molte persone che, magari, hanno appena fatto una donazione ad un canile.

Assumersi una piccola quota di responsabilità nel far cessare la sofferenza e’ cosa buona e giusta. Io mi sento meglio dopo aver firmato l’adozione a distanza e sono contenta che un sacco di gente si preoccupi dei cani maltrattati, ma d’ora in poi cercherò di non ignorare gli adulti. Le botte fanno male a chiunque le prenda.

Foto | s-t-r-a-n-g-e
Are People More Disturbed by Animal or Human Suffering? Assessing the Influence of Victim’s Species and Age on Empathy

Prosegui la lettura su: Cuccioli e bambini maltrattati fanno pena: gli adulti meno

EcoWiki

Cuccioli e bambini maltrattati fanno pena: gli adulti meno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi