Come fare il pane con il lievito madre e la pasta madre. (seconda parte)

Segue dalla pagina: LIEVITO MADREQuarto passo – Come si IMPASTAUna volta trasferito il vostro impasto, ben unito al lievito madre, sulla tavola di legno, impastate per 15 minuti in questa successione: con tutta la mano per 5 minuti, con le nocche per 5 minuti, con i pollici per altri 5. Ultimo atto: sbattete con forza…

Notizia recente via:

Stile Naturale:

Come fare il pane con il lievito madre e la pasta madre. (seconda parte)

Segue dalla pagina: LIEVITO MADRE

Quarto passo – Come si IMPASTA
Una volta trasferito il vostro impasto, ben unito al lievito madre, sulla tavola di legno, impastate per 15 minuti in questa successione: con tutta la mano per 5 minuti, con le nocche per 5 minuti, con i pollici per altri 5. Ultimo atto: sbattete con forza il vostro panetto di PASTA per circa 2 minuti sul tavolo di lavoro per far si che la pasta madre sia ben compattata. Dovrete bagnare l’impasto costantemente e la FARINA, la sua consistenza risulterà essere sempre leggermente appiccicosa.
5_-_impastare_con_i_pollici__400_01_400
Impastare con i pollici farina e pasta madre

6_-_impastare_con_i_pugni_400_400
Impastare con i pugni per far si che il lievito madre sia ben impastato

Quinto passo – La lievitazione
A questo punto date al vostro panetto una forma rotondeggiante, fate una croce sopra, bagnatelo con uno spruzzino e coprite con un canovaccio di tessuto grezzo possibilmente. Il vostro impasto deve lievitare al calduccio e in penombra.
7_-_fate_una_pallina_e_inumiditela_prima_di_coprirla_per_farla_lievitare_400_400
Fate una pallina e inumiditela prima di coprirla per farla lievitare

Sesto passo

Dopo almeno 12 ore di lievitazione, scoprite il vostro pane magicamente lievitato col lievito madre di casa vostra. A questo punto due sono le strade che potrete seguire: o rilavorate l’impasto per altri 10 minuti e coprite nuovamente facendo lievitare il tutto ancora per 3 ore; oppure infornate così com’è. Se sceglierete l’ultimo procedimento (ma vi consigliamo di provarli entrambi), ricordatevi di posizionare il panetto sulla teglia da forno appena impastato e prima di iniziare a farlo lievitare: questo per evitare che si appiccichi.
Se, invece, sceglierete la prima ipotesi, rilavorate la pasta per altri 5 minuti, date la forma che preferite alla pagnotta, fate di nuovo la croce, posizionatela direttamente sulla teglia da forno e fate lievitare ancora 3 ore. In entrambi i casi, prima di infornare spennellate di olio extra vergine d’oliva. In questo modo la pasta madre avrà il tempo di dare il meglio di sè.
8_-_la_pagnotta_dopo_14_ore_di_lievitazione_400_400
La pagnotta dopo 14 ore di lievitazione

Settimo passo
E ora vediamo la cottura della nostra pagnotta, fase importante e delicata. Due sono gli aspetti fondamentali in questa fase, che il FORNO sia già caldo quando infornate e che sia umido. Affinché sia umido, il consiglio è porre nel forno un contenitore di terracotta con dell’acqua e lasciarlo per tutta la durata della cottura.
Il forno va scaldato a 200 gradi per 10 minuti, infornate a questa temperatura per altri 10 minuti. Abbassate a 180 gradi e fate cuocere per altri 20 minuti. A questo punto spegnete e lasciate il forno chiuso per altri 10 minuti: il vostro pane sarà pronto per essere sfornato!
foto_9_-_il_pane_400_400
Ecco il pane fatto con la pasta madre

Se non avete a disposizione la pasta madre, recatevi in un negozio di alimenti biologici e naturali ed acquistate il lievito madre essiccato o quello di KAMUT. Il procedimento per panificare rimane il medesimo.
Il pane è una magia e, come tale, risulta legato strettamente alla persona che lo produce. Il pane rispecchia incredibilmente il carattere di chi panifica: compatto e massiccio, friabile e fragile, alveolato e leggero. Non esiste il pane perfetto: l’esperienza e il farlo settimanalmente vi aiuterà a trovare piccoli esperimenti ed escamotage, ma due sono gli ingredienti che non potrete mai dimenticare: la pazienza e l’amore e… il lievito madre. La pasta vi percepisce, provate a sentire il suo calore e il suo lavorio mentre impastate. È proprio come una magia.

Vi presento la pasta madre

La pasta madre è composta da acqua, farina e un agente che fa innescare la vita: questo agente può essere un frutto, della BIRRA, segale, miele.
Il lievito madre vive nel vostro frigorifero ed è lì quando voi ne avete necessità, sempre disponibile. Vuole solo il nutrimento, ossia acqua e farina. Più vecchia la pasta madre è, più buona, stabile e affatto acida sarà.
Con lei potrete fare una cosa magica (e rivoluzionaria!) con le vostre mani: il pane fatto con la pasta madre. Quindi coraggio, procuratevi un buon lievito madre e incominciate e panificare anche voi!

LEGGI LA PRIMA PARTE DELLA RICETTA AL LINK: PASTA MADRE


Giulia Landini

Per questo post si ringrazia:

Stile Naturale

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Come fare il pane con il lievito madre e la pasta madre. (seconda parte)

Come fare il pane con il lievito madre e la pasta madre. (seconda parte)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi