Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo

Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo

Articolo pubblicato per gentile concessione di YesLife.it Your enjoyable, sustainable life. Dalle energie rinnovabili ai prodotti ecologici, parlando non solo di natura ma anche di biotecnologie al servizio della sostenibilità ambientale.

Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo

L’allevamento è una delle prime cause di inquinamento e sfruttamento massiccio di risorse. Ecco quali sono gli animali che, allevati spesso in maniera intensiva, contribuiscono maggiormente a gas serra e cambiamenti climatici

In piena bufera carne equina, vogliamo continuare a proporvi riflessioni riguardanti l’industria della carne.
Dopo avervi proposto un’rionica classifica sull’inquinamento causato dagli animali domestici, vogliamo ricordare uno dei motivi che stanno dietro la decisione di non mangiare carne: non solo per amore degli animali, ma anche per l’inquinameno causato dall’allevamento intensivo del bestiame che nella maggior parte dei casi finirà nei nostri piatti.
Ne avevamo parlato già tempoi fa su Yeslife: l’agricoltura e l’allevamento sono le prime cause d’inquinamento ambientale e con essi il consumo di carne: in particolare si stima che il 18 per cento delle emissioni annuali di gas serra a livello mondiale sono attribuibili a bovini, bufali, pecore, capre, cammelli, maiali e pollame.
Ad inquinare, in particolare, sono gli allevamenti intensivi degli animali, piccoli o grandi che siano e il modo in cui vengono condotti, oltre che le sostanze contenute nei pasti degli animali stessi.

Quali sono dunque gli animali d’allevamento che inquinano di più?

1) Al primo posto, secondo una notizia riportata dai quotidiani questa estate, troviamo i Dromedari, messi al bando in Australia proprio a causa dell’elevato impatto che essi hanno sull’ambiente, tanto che stanno discutendo un programma di incentivi alla riduzione dei gas serra indirizzato ad allevatori e investitori in agricoltura.
Non li ritroveremo certo negli allevamenti italiani ma per farvi un esempio, proprio in Australia, dromedari non sono mai stati ben visti e si sono riprodotti a ritmi vertiginosi e non esistono predatori naturali che ne controllino la riproduzione. Questo esercito di animali, oltre ad inquinare, ha creato anche danni da calpestamento delle piantagioni e prosciugamento delle riserve idriche (un dromedario è in grado di ingerire in circa dieci minuti un ettolitro di acqua). Il loro apparato digestivo che produce metano, gas il cui effetto serra ha un potenziale decine di volte superiore alle emissioni di CO2.
Purtroppo, ad oggi, il governo australiano non ha trovato altro rimedio al problema dell’impatto sull’ambiente e sull’agricoltura dei dromedari che quello di incentivare l’abbattimento di tali animali.

Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo


2) Venendo ad animali che possiamo trovare anche dalle nostre parti, al secondo posto della nostra classifica troviamo le mucche. Da anni ormai si parla dell’inquinamento prodotto dalle mucche (ne avevamo parlato anche su Yes Life) che emettono metano e gas serra. Secondo uno studio della California, i bovini inquinano l’ambiente più delle automobili. Ovviamente, ricordiamo che la causa dell’inquinamento non è dato tanto dagli animali in sé quanto in quello che emettono a causa di ciò che mangiano e poi dalle strutture degli allevamenti e dagli impianti ad essi connessi.

Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo

3) Le pecore. Anch’esse come i bovini sono altamente inquinanti ed emettono grandi quantità di “gas”. Purtroppo, in Italia, sono state anche molto spesso vittime dell’inquinamento dell’uomo: non molto tempo fa, a Colleferro (nel Lazio) sono nate pecore deformi a causa delle sostanze velenose emesse dal sottosuolo mentre a Taranto erano morte delle pecore a causa della diossina.

Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo

4) I maiali. È di qualche anno fa la notizia che in Australia c’è stato un allarme da fuga di gas in una fattoria della quale era “responsabile” una scrofa di 120 chili che, affetta da qualche problema intestinale, emetteva consistenti quantità di gas. Non è uno scherzo di cattivo gusto: la flatulenza è una miscela di gas e di particelle di feci emessa dagli animali ed ha effetto sull’inquinamento ambientale.


5) Pollame in allevamenti intensivi. Con allevamento intensivo o allevamento industriale (factory farming) si intende una forma di allevamento che utilizza tecniche industriali e scientifiche per ottenere la massima quantità di prodotto al minimo costo e utilizzando il minimo spazio, tipicamente con l’uso di appositi macchinari e farmaci veterinari. Purtroppo, a volte, questi allevamenti rischiano di produrre un forte inquinamento sia per gli animali, che per l’ambiente che per l’uomo. Le feci provenienti da enormi quantità di animali concentrati in aree relativamente piccole causano inquinamento delle falde acquifere e la contaminazione dell’acqua da parte di colibatteri. Al contempo, le attività legate all’allevamento su grande scala possono causare un depauperamento delle risorse naturali del territorio. L’altissima concentrazione di animali negli allevamenti intensivi, inoltre, è la principale causa dell’insorgere periodico di svariate malattie rispetto a quanto accade nel caso di animali cresciuti in natura. In questi allevamenti l’uso di farmaci (per esempio antibiotici) è diffuso, sia per prevenire l’insorgere di epidemie, si come stimolanti della crescita. Queste modalità d’uso degli antibiotici (basso dosaggio per lunghi periodi di tempo) può portare al diffondersi di nuove forme di batteri resistenti a tali medicinali.

Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo

Purtroppo sappiamo anche che sono molti di più gli animali che rischiamo la vita a causa dell’inquinamento e dell’eccessivo impatto sull’ambiente delle azioni prodotte dall’uomo, dalle industrie, dalle sostanze chimiche e da tutti quei materiali che vengono dispersi nell’ambiente ma che non sono biodegradabili.

Diana Comari

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo

Una veste grafica semplice e “verdeggiante” per affrontare quotidianamente le tematiche che, affrontate o meno, avranno il potere di cambiare il mondo di domani.

Argomenti trattati: 21030 | YesLife: Scienza e Tecnologia – Mobilità Sostenibile – Moda e Bellezza – Design e Architettura – Viaggi e Natura – Eco Cultura e Società – Prodotti e Consumi Eco
Altre informazioni inerenti Allevamento è inquinamento: i 5 animali più inquinanti che alleviamo: , , , Yes.life: il web magazine della sostenibilità ambientale e della vita sostenibile e divertente, Yes.life è il web magazine della vita sostenibile, ecologica,solidale,green,e divertente

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi