Clima energia 2030: i nuovi obiettivi approvati a Bruxelles

Piperina e curuma plus

Settimana scorsa è i 28 capi di Stato e di governo leader dell’UE hanno approvato quelli che saranno i nuovi obiettivi del pacchetto clima-energia per il 2030: taglio del 40% delle emissioni di CO2 rispetto ai livelli del 1990, 27% di produzione di energia rinnovabile e un 27% in più di efficienza energetica.

Taglio del 40% delle emissioni di gas serra

Approvato un target comunitario vincolante per una riduzione di almeno il 40% delle emissioni di gas a effetto serra rispetto ai valori del 1990. L’obiettivo verrà raggiunto attraverso obblighi a livello nazionale e un percorso collettivo europeo con tagli sia nei settori coperti dal sistema ETS che in quelli non ETS, pari rispettivamente al 43% e al 30% rispetto ai valori del 2005.

Almeno il 27% di energie rinnovabili

E’ stato fissato l’obiettivo di almeno il 27% di energia elettrica prodotta da rinnovabili, ma vista la forte opposizione del Regno Unito e la Polonia – tra altri – questo target è vincolante solo a livello comunitario, senza obblighi a livello nazionale. Tuttavia, non impedisce agli Stati membri di fissare un obiettivo interno più ambizioso e “in linea con gli orientamenti sugli aiuti di Stato”.

Un 27% in più di efficienza energetica

Per quanto riguarda il miglioramento dell’efficienza energetica, il Consiglio ha ridotto l’obiettivo dell’esecutivo UE di 3 punti percentuali. “Questi obiettivi saranno raggiunti nel pieno rispetto della libertà degli Stati membri di determinare il loro mix energetico” e “non saranno tradotti in obiettivi vincolanti a livello nazionale”, hanno spiegato a Bruxelles.

La Commissione proporrà settori prioritari in cui possono essere ottenuti significativi benefici in termini di risparmio energetico e le modalità per raggiungerli.

15% di interconnettività energetica

L’UE si impegnerà per raggiungere quota del 15% di interconnettività energetica entro il 2030, come insisteva il Portogallo, e del 10% entro il 2020. E’ stata accolta anche la recente strategia comune dei gestori dei sistemi di trasmissione per lo sviluppo delle interconnessioni della penisola iberica con il mercato interno dell’energia elettrica, includendo progetti concreti finalizzati a migliorarne la capacità.

Maggior sicurezza energetica

E’ stato accordato l’avvio di progetti strategici di interesse comune nel settore del gas, come il corridoio di trasporto meridionale e il miglioramento delle capacità di rigassificazione e stoccaggio nel sistema del gas; infine “onde aumentare il potere contrattuale dell’UE nei negoziati energetici, fare pieno uso della decisione che istituisce un meccanismo per lo scambio di informazioni riguardo ad accordi intergovernativi fra Stati membri e paesi terzi nel settore dell’energia, in particolare per quanto concerne le disposizioni standard e l’assistenza della Commissione durante i negoziati”.

Interessato alle energie rinnovabili? Ti ricordiamo che sul mercato libero dell’energia è possibile attivare una tariffa green, ovvero che fornisce energia elettrica esclusivamente prodotta da fonti rinnovabili.

Queste offerte energia verde prevedono l’attivazione gratuita e non prevedono modifiche agli impianti o al contatore. Per maggiori informazioni sulle loro caratteristiche e convenienza economica, rimandiamo al comparatore gratuito ed indipendente di SosTariffe.it per l’energia elettrica qui.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi