Street Food Heroes: il viaggio continua. Milano e Bergamo

Street Food Hereos: Nell’episodio in onda questa sera si parte da Bergamo per scoprire la “polenta alla spina” di PolentOne

Il viaggio prosegue a Milano per assaggiare prima le bombette di alberobello di Mangiari di Strada  e, subito dopo, la puccia con uccelletti e patatine fritte

Chi sarà lo Street Food Hero della puntata?

Il viaggio culinario di Street Food Heroes, in 6 puntate, proseguirà poi in Sicilia, in Toscana per concludersi in grande stile nella Riviera Romagnola.

IL VIAGGIO DI STREET FOOD HEROES CONTINUA

A BERGAMO E MILANO

 IN LOMBARDIA LA TERZA TAPPA DEL TRAVEL COOKING SHOW DEDICATO AL MIGLIOR “CIBO DA STRADA

 Venerdì 7 giugno ore 22.00 su Mediaset Italia2

 

Terzo appuntamento con Street Food Heroes, l’innovativo programma sul migliore “cibo da strada” del nostro Paese, in onda venerdì 7 giugno alle ore 22.00 su Mediaset Italia2. I tre intenditori del cibo popolare – il critico enogastronomico Mauro Rosati, l’american foodblogger Laurel Evans e lo chef “rock” Francesco Fichera – sono arrivati a metà del loro viaggio e, questa volta, fanno tappa tra Bergamo e Milano.

In ogni puntata Mauro, Laurel e Francesco, assegnano un punteggio a tutti i cibi assaggiati per stabilire i migliori Street Food Heroes, che andranno a comporre l’esclusiva Street Food Heroes Guide.

Nell’episodio in onda questa sera si parte da Bergamo per scoprire la “polenta alla spina” di PolentOne. Il viaggio prosegue a Milano per assaggiare prima le bombette di alberobello di Mangiari di Strada  e, subito dopo, la puccia con uccelletti e patatine fritte della famosissima Ambasciata Tarantina in zona Porta Genova. A seguire, alla Pescheria il Kiosko, i tre esperti gustano una specialità di pesce come il Fish Burger. Infine, assistiamo ad un’altra appassionante sfida nella sfida tra uno dei “cibi da strada” etnici per eccellenza, il Kebap, ormai entrato di diritto nelle abitudini culinarie italiane: a Milano a sfidarsi sono il Pascià, il Meydan e l’Imperator.

I luoghi recensiti dai tre esperti concorreranno per aggiudicarsi un posto d’onore nella Street Food Heroes Guide, la guida che oltre a contenere le ricette raccontate in ogni puntata, racchiuderà anche quelle suggerite dal pubblico attraverso le pagine dei social network del programma. Chi sarà lo Street Food Hero della puntata?

Il viaggio culinario di Street Food Heroes, in 6 puntate, proseguirà poi in Sicilia, in Toscana per concludersi in grande stile nella Riviera Romagnola.

Street Food Heroes” è prodotto da Lovely di Valentina Gardani in collaborazione con il centro media “Mediaclub”. CERES è partner di questo progetto.

Per tutte le curiosità legate al programma e ai protagonisti:  – TWITTER https://mobile.twitter.com/StFoodHeroes

 

Street Food: cos’è

Letteralmente e tecnicamente significa “cibo da strada”.

Secondo la definizione della FAO il cibo da strada è costituito da quegli alimenti (incluse le bevande) che vengono venduti già pronti per il consumo e vengono preparati e/o venduti perlopiù in strada o in alti luoghi pubblici, come ad esempio in occasione di mercati e mercatini e fiere, da commercianti ambulanti, spesso e volentieri organizzati con carretti o banchetti provvisori.

cibo da strada: il panino con la milza

La FAO indica in circa 2,5 miliardi le persone che quotidianamente si alimentano con il Street Food.

Lo Street Food consente infatti consumare uno spuntino (o anche un pasto) in maniera veloce, informale e sicuramente più economica rispetto ad un bar, un ristorante o una tavola calda.

Lo Street Food fa parte del ben più ampio fenomeno dell’informal food sector, ovvero il settore del cibo informale.

A sua volta lo Street Food  ingloba altre categorie più specifiche quali il finger food ed il fast food ed è strettamente correlato con il take away ed il take out (cibo da asporto).

Anche i distributori automatici possono essere incluse nella categoria dello Street Food.

Gli aspetto economici, antropologici e culturali dello Street Food sono particolarmente interessanti tanto da aver destato l’attenzione della FAO.

Spesso e volentieri lo Street Food si dedica a specialità locali (ad esempio gli arancini) che si tramandano di generazione in generazione e mettendo in gioco valori culturali, identitari ed etnici, mentre in altri casi non hanno un particolare legame culturale con luogo in cui vengono venduti (pensate alla diffusione del kebab).

approfondimenti sullo Street Food