Bikesharing a Roma: ecco cosa c’è e cosa ci sarà

Da quando Marino è diventato sindaco della Capitale si fa un gran parlare di bike sharing. Il neo-sindaco di Roma è un ciclista appassionato, e non è raro vederlo in giro per le vie della Città Eterna in sella alla sua fedelissima bici.

Si parla di nuovi progetti, che andrebbero sia a favorire l’ecologia della capitale che ad ampliare il progetto attuale di bike sharing e che dovrebbero portare Roma su livelli più europei, nel senso che tutto punta a colmare il colpevole distacco che la città ha accumulato durante la gestione Alemanno.

Cosa c’è già?

Quello che molti non sanno, e colpevole è l’esiguità del progetto attualmente in opera, è che Roma ha già il suo bike sharing.

Tutto quello che c’è da sapere potete trovarlo su IoVerde, portale che a questo servizio ha dedicato una guida essenziale, che va dalla sottoscrizione per ottenere la tessera, ai costi per finire sulle stazioni dove scambiare la bicicletta presa a noleggio.

Si tratta di un progetto sicuramente esiguo rispetto a quello delle altre città europee: le stazioni sono soltanto 10, e tutte in prossimità di stazioni della metro, per una copertura che è di gran lunga inferiore rispetto a Londra, Parigi, Amsterdam e altre realtà minori come Valencia.

Il nuovo progetto

Il nuovo progetto però non soddisfa gli ultras della mobilità su due ruote. Ci sarebbero soldi soltanto per 80 stazioni, decisamente poche e sufficienti a coprire soltanto parzialmente la prima municipalità di Roma.

C’è qualcuno che sogna una copertura in stile New York, anche se il sindaco ciclista Marino ha fatto intendere che per ora di soldi non ce ne sono, e senza aiuto da parte dei privati non sarà possibile ampliare un progetto decisamente ridotto all’osso.

Staremo a vedere, perché si sono messe avanti le stesse società che hanno goduto (e abusato) delle blande normative a regolazione dei cartelli pubblicitari. Potrebbe trasformarsi in un do ut des che poco migliorerebbe le condizioni di una delle capitali meno ecologiche d’Europa.