Vacanza in Corsica: i consigli pratici per arrivare e cosa visitare

Vacanza in Corsica: i consigli pratici per arrivare e cosa visitare

La Corsica, terra selvaggia e meravigliosa. Di proprietà francese dal 1768 (in francese Corse), questa splendida isola offre un paesaggio i cui colori spaziano dal blu del mare, alle sfumature di verde delle montagne che frastagliano il territorio e che possono raggiungere anche i mille metri. Un angolo di macchia mediterranea a due passi dall’Italia, che offre tanti luoghi da vedere e conoscere. Sono tanti, infatti, i turisti che si lasciano incantare dalle bellezze di questa terra e trascorrono delle vacanze indimenticabili.

 

Come raggiungere la Corsica

Il traghetto è sicuramente il modo migliore per arrivare in Corsica. Innanzitutto avete a disposizione diverse città da cui partire: i principali porti italiani dove partono i traghetti per la Corsica sono Piombino, Livorno, Genova e Savona, senza dimenticare Santa Teresa di Gallura, in Sardegna, che si affaccia direttamente sulle Bocche di Bonifacio.

Inoltre durante l’arco della giornata, specialmente in primavera ed in estate, partono numerosi traghetti che assicurano un ottimo collegamento: in questo modo potrete scegliere quando e come partire unicamente in base alle vostre esigenze e al tipo di vacanza che volete vivere. A titolo informativo a questa pagina trovate tutte le informazioni e l’elenco dei traghetti per il porto di Ajaccio.

 

Cosa vedere in Corsica

Partendo dall’estremo nord, troviamo Bastia, città portuale, con i due quartieri principali, Terra Vecchia Terra Nova, L’E’glise Saint-Jean-Baptiste, la chiesa più grande di tutta l’isola, e Place Saint Nicolas in cui si può ammirare il monumento di Napoleone.

Da qui, lungo il “dito” di Cap Corse si possono raggiungere alcune mete turistiche:ad ovest Nonza, piccolo borgo di architettura ligure, con la sua torre genovese, e la spiaggia dai ciottoli neri, provenienti da una miniera dismessa; a est, Rogliano, nei cui pressi si trova la splendida spiaggia di Tamarone. Da visitare anche Corte, situata nell’entroterra, che fu capitale del governo indipendente, e diede i natali a Pascal Paoli, eroe dell’indipendenza corsa. Da questa cittadina si può raggiungere la Vallée de la Restonica, in cui è possibile fare il bagno nelle pozze e piscine naturali che si formano al suo interno.

Lungo la costa ovest troviamo Ajaccio, la città più grande di tutta l’isola, ricca di musei, tra cui spicca il Musée National de la Maison Bonaparte, dove si trova la stanza in cui nacque l’imperatore.

 

Turismo sostenibile in Corsica

In Corsica, inoltre, non mancano gli itinerari immersi nella natura e attenti alla sostenibilità ambientale. Per chi sogna una vacanza rispettosa delle bellezze paesaggistiche, quest’isola francese rappresenta la soluzione ideale. La Corsica è nota anche come “l’Isola delle Bellezze”, per via di una serie di attrazioni naturali uniche al mondo. Questo perché si parla di una regione montuosa affacciata sul mare che offre riserve naturali e aree protette di rara bellezza. Basta citare meraviglie come la Riserva di Scandola, un luogo perfetto per praticare attività come le immersioni e lo snorkeling.

Per un itinerario sostenibile potremmo partire da Erbalunga, eleggendola meta per il nostro pernottamento. Da Erbalunga potremmo muoverci poi in direzione Marine de Sisco, e in seguito Pietracorbara e Porticciolo. Dopo aver attraversato queste tappe, si arriva presso Santa Severa e ci si sposta in direzione di Luri e di Piazza, per poi arrivare al Colle di Santa Lucia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi