San Silvestro: il "super cenone" costa meno di un pieno di benzina

La Cia stima che per un pasto di grande qualità per l’ultimo giorno dell’anno la spesa media procapite non supererà i 70 euro.

Se per riempiere il serbatoio di una automobile di media cilindrata si spendono non meno di 80 euro, per trascorrere la notte di capodanno degustando prodotti, vini e spumanti di qualità la spesa potrà essere contenuta nei 70 euro. Ad evidenziarlo è la Cia-Confederazione italiana agricoltori che ricorda come fino agli anni '90 un buon veglione potesse costare almeno il doppio di quanto si spendeva per "fare il pieno" alla macchina.
Un trend inquietante -secondo la Cia- che fotografa fedelmente ciò che sta accadendo nei campi: prezzi stabilmente bassi per le derrate alimentari e costi per produrre arrivati alle stelle.
Un nostro monitoraggio -spiega l'organizzazione agricola- effettuato su tutto il territorio nazionale segnala come, in particolare negli agriturismi, l'offerta per il cenone dell'ultimo giorno dell'anno sia contenuta tra i 50 e i 100 euro per persona. Si tratta, prevalentemente di menù molto pregiati che annoverano ottimi vini e spumanti oltre alle portate di grande genuinità, tipicità e qualità. Molto utilizzato sarà il tartufo, così come gli insaccati artigianali di eccellenza, dai lardi, ai salami, ai culatelli per arrivare alla cacciagione e il pollame, oltre ai classici zamponi e cotechini. Immancabili le lenticchie, proposte in migliaia di ricette diverse dal nord al sud, e i vini che scorreranno a fiumi. Nelle altre tipologie di esercizi, ristoranti, alberghi e strutture diverse, i prezzi risultano leggermente superiori rispetto agli agriturismi ma sempre contenuti e con un'offerta di ottimo livello nel rapporto qualità/spesa.
Festeggiare al sud -continua la Cia- rispetto al centro-nord del Paese costerà di meno. I prezzi medi di cenoni e veglioni sono più bassi del 10/15 per cento. Inoltre -segnala la Cia- scende sensibilmente, di anno in anno, la percentuale degli italiani che chiedono nel menù di San Silvestro specialità estere come il "caviale" e il "foie gras".
Saranno oltre 500 mila -conclude la Cia- gli italiani che alla fine delle festività (befana compresa) avranno consumato un pasto e trascorso almeno due notti in un agriturismo.

Vini e Sapori: portale di informazione rivolto agli appassionati di enogastronomia con aggiornamenti e notizie fornite da uno staff di amanti del buon vino e dei sapori della buona tavola.
Web: www.viniesapori.net

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi