Florovivaismo italiano: convegno nazionale a Torino

Florovivaismo italiano: convegno nazionale a TorinoIl florovivaismo italiano sfida la crisi confrontandosi su normative, risorse e strategie di sviluppo in un convegno nazionale l’11 gennaio 2013 a Torino.

TORINO, GENNAIO 2013 – Il mercato del florovivaismo sfida la congiuntura e si interroga sulle prospettive per il 2013. Lo fa a tutto campo, con un convegno a Torino che, venerdì 11 gennaio, riunirà i floricoltori di tutta Italia presso la sede Asproflor di corso Francia 329 (sala conferenze).
Tema del convegno è "Floricoltura e vivaismo nel 2013: opportunità, normative e prospettive".
Renzo Marconi, presidente dell'Associazione Produttori Florovivaisti, ne anticipa i caratteri: "Abbiamo voluto creare un momento di confronto aperto non solo agli addetti ai lavori, ma a tutti coloro che sono uniti dalla comune passione per il verde ed i fiori: parlare di florovivaismo in questi mesi significa anticipare importanti cenni di ripresa economica, individuando nel "turismo verde" una forma nuova di attrattiva per l'intera nostra penisola. Giova ricordare che l'Italia già conta oltre 145 realtà riunite nel circuito nazionale dei Comuni Fioriti".
Per i partecipanti al convegno si tratta di un'occasione per approfondire strategie, conoscenza normativa e per confrontarsi sulle prospettive per il nuovo anno: senza dimenticare l'importanza di scambiarsi qualche opinione sull'ottimizzazione dei costi, ad esempio con l'utilizzo delle caldaie a cippato per il riscaldamento delle serre in sostituzione del gasolio agricolo, che ormai ha raggiunto costi altissimi per le imprese.
Il convegno si apre alle ore 10.15 con il saluto dell'assessore regionale all'agricoltura Claudio Sacchetto: quindi, alle 10.30, la tavola rotonda su "biomasse per il riscaldamento delle serre": l'ing. Fausto Adriano tratterà gli aspetti tecnici (costi,tipologie,dimensionamento ecc )dei moderni impianti a biomassa; il prof. Remigio Berruto del DISAFA (dipartimento di scienze agrarie, forestali e alimentari) Universita' di Torino presenterà il " progetto di filiera per la valorizzazione degli scarti di potature mediante l'utilizzo del calore prodotto dai biodigestori"; l'ing. Oliaro presenterà l'incubatoio aziende del politecnico di Torino, per le attività innovative; l'ing. Franco Gottero dell'istituto per le piante da legno e l'ambiente della Regione Piemonte (IPLA), tratterà il tema "energia da biomasse forestali: opportunità e limiti".
Completeranno la tavola rotonda le esperienze di due floricoltori Antonio Debenedetti, di San Remo, titolare di azienda floricola convertita a biomasse, e Sergio Ferraro, vice-pres Asproflor e floricoltore torinese, il quale analizzerà i risparmi realizzati dopo 5 anni di utilizzo di una caldaia a cippato.
Il moderatore è il dott. agr. Eraldo Antonini coordinatore tecnico-scientifico della rivista "Giardini".
Nel pomeriggio, il presidente Marconi introdurrà la tavola rotonda (ore 14) su "codice della strada e commercializzazione di piante e fiori" mentre il dott. Franco Fabbri dirigente Polstrada di Cuneo parlerà di "codice della strada: tachigrafo, tempi di guida e corretto utilizzo dei mezzi pesanti".
Ultimo tema, trattato dal dott. Silvio Bellezza-Quater (responsabile fiscale Cia Torino) è quello sulle normative di recente introdotte dall'articolo 62 e relative alla commercializzazione di piante e fiori.

Vini e Sapori: portale di informazione rivolto agli appassionati di enogastronomia con aggiornamenti e notizie fornite da uno staff di amanti del buon vino e dei sapori della buona tavola.
Web: www.viniesapori.net

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi