Consumi: nel 2013 giù le spese per abbigliamento, turismo e tempo libero

Consumi: nel 2013 giù le spese per abbigliamento, turismo e tempo liberoA soffrire maggiormente nel 2013 saranno il settore dell’abbigliamento, quello del turismo e del tempo libero come il cinema e le discoteche.

E’ quanto emerge da uno studio della Coldiretti sull’impatto della crisi nei diversi comparti del Made in Italy sulla base di una indagine deloitte. Sul podio delle rinunce dettate dalla recessione nel 2013 salgono infatti secondo la Coldiretti le spese per l’abbigliamento che quasi tre italiani su quattro sono disposti a tagliare (74%), i divertimenti al quali il 72% è pronto a dire addio e gli acquisti tecnologi che verranno ridotti da ben il 71% dei cittadini.
Gli effetti negativi – sottolinea la Coldiretti – si fanno sentire anche su altri settori dell’economia con quello turistico con il 66% degli italiani che è pronto a rivedere le proprie vacanze mentre solo il 51% è disposto a ridurre qualche spesa alimentare o per la salute (49%) che si classificano come le voci piu’ difficili da tagliare.
Si tratta di un risultato che – conclude la Coldiretti – è il frutto delle aspettative negative sull’andamento del potere d’acquisto nel 2013 per il quale ben il 48% dei consumatori italiani si considera preoccupato e mantiene una visione negativa (contro il 34% della media europea), mentre solo l’8% pensa che la propria capacità di spesa migliorerà (contro il 19% della media europea).

Vini e Sapori: portale di informazione rivolto agli appassionati di enogastronomia con aggiornamenti e notizie fornite da uno staff di amanti del buon vino e dei sapori della buona tavola.
Web: www.viniesapori.net

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi