Clima sottozero: +10 per cento dei consumi di gasolio per salvare Stelle di Natale, primule e violette

mind the gum

Grande freddo, boom dei consumi di gasolio per salvare le Stelle di Natale. In meno di due settimane – spiega la Coldiretti Lombardia – i consumi di gasolio dei vivai sono aumentati di oltre il 10 per cento a causa dell’ondata di gelo che rischia di fare strage dei tradizionali fiori delle feste, ma anche di primule e violette che, ancora piccole, sono nei vasi per la prossima primavera.

Con le temperature che vanno sotto zero – aggiunge la Coldiretti – è necessario compensare facendo lavorare al massimo le caldaie con un vero e proprio salasso per i vivaisti che, negli ultimi 24 mesi, anche per l'aumento del costo dei carburanti, hanno visto esplodere le bollette energetiche.
"Per le Stelle di Natale, ad esempio, è richiesta una temperatura fra i 15 e i 20 gradi, ma quando all'esterno si scende sotto zero, allora è un bagno di sangue" commenta Marcello Doniselli, florovivaista di Bollate (Milano).
"Una serra di medie dimensioni – spiega Fernando Fiori, vivaista e presidente della Coldiretti di Varese – spende in media 15 mila euro di riscaldamento per i mesi invernali e a seconda delle varietà coltivate, mentre le serre più grandi possono arrivare anche a 40 mila euro all'anno e anche oltre".
In Lombardia sono oltre duemila le aziende attive nella vendita al dettaglio di piante e fiori e le province con una forte presenza di vivai sono, in particolare: Bergamo, Brescia, Mantova, Varese e Milano.

Vini e Sapori: portale di informazione rivolto agli appassionati di enogastronomia con aggiornamenti e notizie fornite da uno staff di amanti del buon vino e dei sapori della buona tavola.
Web: www.viniesapori.net

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi