Capodanno: con l'ultimo brindisi dell'anno saliranno a 90 milioni le bottiglie stappate durante le feste

amazon basics

Capodanno: con l'ultimo brindisi dell'anno saliranno a 90 milioni le bottiglie stappate durante le festeUn fiume di spumante e 3 tonnellate di sughero pronte per il riciclo. Secondo la Cia, più di nove famiglie su dieci sceglieranno bollicine ‘made in Italy’. Il 59 per cento delle famiglie opterà per lo spumante dolce e soltanto un italiano su venti berrà champagne. Un invito a non disperdere i tappi nell’ambiente: il sughero può essere gettato nell’umido per il compostaggio o riutilizzato ad esempio nella bioedilizia.

Con lo scoccare della mezzanotte dell'ultimo dell'anno arriveranno a 90 milioni le bottiglie di spumante stappate durante le festività di fine 2012. A Capodanno infatti c'è sempre il picco dei consumi di bollicine, con una netta preferenza per quelle "tricolori", che anche quest'anno vinceranno sullo champagne nel 95 per cento dei casi. Ma, fatti gli auguri e i beneauguranti "cincin", non dimentichiamoci dei tappi di sughero. Promuoverne la raccolta differenziata in un'ottica di riciclo e riutilizzo ha una valenza non soltanto ambientale, ma anche economica. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
Rispetto al 2011, i consumi di bollicine durante le feste subiranno un lieve calo nelle quantità, ma non solo. Complice la crisi e la stangata fiscale di fine anno -spiega la Cia- le famiglie accorceranno il budget orientandosi verso etichette più economiche, con una fascia di prezzo compresa in media tra i 5 e i 10 euro. Per una spesa complessiva che da Natale all'Epifania arriverà intorno ai 697 milioni di euro.
Più in dettaglio, ben il 68 per cento delle bottiglie verrà stappato in casa con amici e parenti, contro il 32 per cento in locali e veglioni di San Silvestro. E a prevalere nei gusti degli italiani -continua la Cia- sarà ancora una volta lo spumante dolce (59 per cento delle preferenze), seguito da quello secco e "brut" (con il 36 per cento). Lo champagne invece raccoglierà solo il 5 per cento delle preferenze: vuol dire che solamente un italiano su venti sceglierà il "made in France" invece delle bottiglie nazionali.
Quanto ai tappi, piuttosto che disperderli nell'ambiente, la Cia invita i consumatori a raccoglierli e conservarli per il riciclo. In una prospettiva anti-spreco ed ecosostenibile. Oggi nella maggior parte dei comuni che fanno raccolta differenziata il tappo di sughero è considerato come elemento organico biodegradabile e quindi da gettare nell'umido per il compostaggio. In particolare -ricorda la Confederazione- il Compost di Qualità può essere usato in agricoltura e nelle attività florovivaistiche, mentre la frazione organica stabilizzata viene utilizzata nelle attività paesaggistiche, nel ripristino ambientale (recupero di ex cave) o come copertura giornaliera delle discariche.
Per questo, con un minimo di accortezza, circa 3 tonnellate di sughero, invece di diventare "spazzatura" indifferenziata, possono essere reinseriti nei cicli produttivi senza gravare sul patrimonio ambientale. Senza contare che oggi in varie parti del Paese sono attivi anche specifici raccoglitori per il sughero e associazioni che si occupano del recupero e della gestione di questa risorsa. Con "ricicli" non soltanto creativi nell'artigianato, nell'abbigliamento e nel calzaturiero (solo con i tappi di Capodanno si potrebbero "rifinire" quasi 600 mila paia di scarpe), ma con riusi economicamente rilevanti -aggiunge la Cia- nel campo della bioedilizia e dell'architettura "green", che lava, tritura e riutilizza il sughero come isolante termoacustico e naturale.

Vini e Sapori: portale di informazione rivolto agli appassionati di enogastronomia con aggiornamenti e notizie fornite da uno staff di amanti del buon vino e dei sapori della buona tavola.
Web: www.viniesapori.net

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi