Agricoltura: si allontana l'incubo di nuovi adempimenti burocratici per le piccole aziende agricole

mind the gum

Agricoltura: si allontana l'incubo di nuovi adempimenti burocratici per le piccole aziende agricoleGrazie anche all’azione svolta dalla Cia, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato che scatta solo dal 2014 l’obbligo per gli agricoltori che non superano i 7 mila euro di vendite l’anno di presentare l’elenco clienti e fornitori. Ma nella nuova legislatura si deve intervenire per abrogare questo provvedimento.

Per le piccole imprese agricole si allontana l’incubo di nuovi immediati gravosi adempimenti burocratici. L’Agenzia delle Entrate ha, infatti, reso noto che scatterà solo dal 2014 (e più precisamente dal 30 aprile del prossimo anno con riferimento alle operazioni effettuate nel 2013) l’obbligo per gli agricoltori che non superano i 7 mila euro di vendite l’anno di presentare l’elenco clienti e fornitori. Si tratta di una prima risposta alle esigenze di tantissime aziende, già assillate da molti oneri. Ovviamente, per la Cia-Confederazione italiana, che per prima ha denunciato il problema attivandosi in maniera concreta, questo passo, pur importante, non è sufficiente. Obiettivo è quello che nella prossima legislatura si possa intervenire per abrogare questo provvedimento contenuto nel recente Decreto Sviluppo.
In queste ultime settimane più volte la Cia aveva sottolineato la negatività della misura che comporta un ulteriore e gravoso adempimento burocratico. Un onere che avrà effetti devastanti per le piccole aziende agricole che saranno costrette a registrare tutte le fatture d’acquisto e le autofatture di vendita. Con l’aggiunta di dover avviare in modo telematico l’elenco di tali operazioni. E ciò richiederà assistenza adeguata che comporterà, inevitabilmente, ulteriori spese da parte dell’agricoltore.
Oltretutto, la Cia ha sempre giudicato inaccettabili questi nuovi oneri burocratici per i piccoli agricoltori, anche perché è subito apparsa molto discutibile la motivazione utilizzata dal legislatore. La rintracciabilità delle produzioni, del resto, non si controlla attraverso un adempimento fiscale, dove viene riportato il solo nominativo del cliente e del fornitore e non il prodotto agricolo e alimentare.

Vini e Sapori: portale di informazione rivolto agli appassionati di enogastronomia con aggiornamenti e notizie fornite da uno staff di amanti del buon vino e dei sapori della buona tavola.
Web: www.viniesapori.net

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi