Lampadine a basso consumo: come risparmiare energia

Pest Away

Una scelta vincente e definitiva per risparmiare energia in casa, in negozio o in un day use hotel Roma è quella di sostituire le vecchie lampadine a incandescenza con il nuovo modello di lampadine a basso consumo energetico.

A partire dal 2010 è poi entrata in vigore attraverso la Finanziaria, una normativa europea che impedisce ai commercianti di ordinare forniture di lampadine a incandescenza da 100 W, e di continuare a commercializzarle a partire dal 2011. Le nuove e uniche lampadine che potranno essere commercializzate sono quelle fluorescenti o alogene, le quali permettono un risparmio energetico dell’80%.

Queste lampadine sono utilissime e oramai quasi tutti hanno effettuato la sostituzione, guadagnandone anche economicamente, infatti si tratta di una lampada a scarica, per cui l’emissione della luce non è direttamente emessa dal gas, ma appunto da un tipo di materiale di natura fluorescente.

Caratteristiche tecniche

La lampadina a basso consumo è costituita da un tubo di vetro, che può essere lineare, circolare o variamente sagomato, al cui interno viene inizialmente praticato il vuoto; successivamente viene introdotto un gas nobile (argon, xeno, neon, o kripton) a bassa pressione ed una piccola quantità di mercurio liquido, che in parte evapora mescolandosi al gas nobile. La superficie interna del tubo è rivestita di un materiale fluorescente, dall’aspetto di una polvere bianca. Ai due estremi del tubo sono presenti due elettrodi.

La presenza di mercurio rende pericoloso maneggiare la lampadina fluorescente alla fine del suo ciclo di vita. Per questo motivo, in caso di sostituzione vanno portate al rivenditore che provvederà al loro smaltimento.

Ovviamente oltre a risparmiare dal punto di vista economico, grazie a questa tecnologia è possibile anche ridurre notevolmente i consumi grazie proprio alla durata. C’è ancora un dibattito in corso sull’effettivo impatto ambientale di questi prodotti, dovuto proprio alla difficoltà di smaltimento delle sostanze chimiche impiegate per la loro realizzazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi